Il Covid torna a fare paura, la variante Eris domina in Italia

di Romina Ferrante


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Una nuova flash survey, condotta dall’Istituto Superiore di Sanità, ha rivelato che la variante EG.5, nota come ‘Eris’, sta rapidamente diventando la variante dominante in Italia.

Secondo lo studio Eris, variante, discendente di XBB.1.9.2 con mutazione addizionale S:F456L, ha visto un notevole aumento nelle ultime settimane, con ben il 41,9% dei casi registrati, e sarebbe la Variante di Interesse (VOI) più rilevata in Europa, Stati Uniti e Asia.

A seguire ci sarebbe la variante XBB.1.16 (16,5%), nota come “Arturo”, XBB.1.5, nota come “Kraken” che risulta in diminuzione (13,4% vs. 21,2% della precedente indagine di luglio 2023) e XBB.2.3 (7,8% vs. 12,2% della precedente indagine), nota come “Acrux”.

L’indagine è stata condotta su campioni notificati dal 21 al 27 agosto 2023 e ha coinvolto tutte le Regioni d’Italia e 83 Laboratori distribuiti sul territorio.

La variante Eris sarebbe, dunque, secondo l’ISS, contraddistinta da un elevato tasso di crescita, che va di pari passo con una diminuita capacità di neutralizzazione da parte di anticorpi verso altre varianti, cosa che giustificherebbe la sua prevalenza in diversi Paesi. Ad oggi, però non si evidenziano rischi aggiuntivi per la salute pubblica rispetto ad altre varianti co-circolanti.

Situazione da monitorare

L’Istituto Superiore di Sanità ha comunque evidenziato la necessità di effettuare un monitoraggio costante, in linea con le raccomandazioni nazionali ed internazionali, poiché la diffusione delle varianti virali, in particolare quelle con maggiore trasmissibilità o mutazioni legate a potenziali sfide immunitarie, continuano a essere fonte di preoccupazione.

Al momento i sintomi di Eris sono quelli classici del Covid-19 come il mal di gola, la tosse, la congestione nasale e la rinite. Molti pazienti hanno dichiarato di aver scambiato il Covid per una normale allergia.

A confermare i timori di una possibile escalation della variante Eris un nuovo studio dell’Università di Tokyo che ha messo in luce come questa variante abbia un’elevata capacità di infettare i polmoni, fattore che potrebbe tradursi in manifestazioni più gravi, soprattutto nei soggetti fragili e nei pazienti ad alto rischio.

Nel frattempo, in attesa che siano effettuati nuovi studi e indagini, l’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha, già, dato il via libera al vaccino aggiornato XBB.1.5 di Pfizer e BioNTech, ideato per proteggere dalle nuove varianti, inclusa Eris, che sarà disponibile in Italia a partire dal mese di ottobre.

Intanto continuano a crescere le infezioni da Covid-19 passate, nel periodo dal 31 agosto al 6 settembre, da 14.863 a 21.309, pari a un più 44% in una settimana, mentre l’incidenza settimanale dei casi ogni 100mila abitanti è passata da 25 a 36.

Foto da depositphotos.com

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

I tortellini al prosciutto così come la pasta fresca ripiena sono uno dei simboli dell’italianità, soprattutto se preparati artigianalmente secondo la migliore tradizione. Per chi è in cerca di una soluzione più rapida e altrettanto gustosa, nei supermercati italiani si trova un’ampia gamma di prodotti da banco. Per aiutare i consumatori a orientarsi nella scelta […]

Gli attacchi di panico sono episodi di intensa paura o disagio che si manifestano all’improvviso e raggiungono il picco nel giro di pochi minuti. Durante un attacco di panico, una persona può avvertire una serie di sintomi fisici e mentali che possono essere estremamente debilitanti e spaventosi. Questi episodi non sono rari: secondo alcune stime, […]

La capsaicina è il composto chimico che dona il sapore piccante ai peperoncini. Anche se molti la conoscono per il suo effetto infuocato, pochi sanno che questa sostanza ha diversi benefici per la salute. Scopriamo insieme quattro vantaggi che la capsaicina può offrire, andando oltre il semplice pizzicore sulla lingua. Un aiuto per la perdita […]