Tempesta di telefonate il marito che guarda la partita con gli amici: condannata per molestie

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

La storia ha per protagonista una donna di 59 anni e suo marito, che era andato a casa di amici per vedere in compagnia una partita di calcio. L’epilogo era del tutto inaspettato.

Troppe telefonate al marito che guarda la partita, condannata

Joanna Healey, casalinga 59enne, non immaginava ciò che sarebbe accaduto, quando ha iniziato a tempestare di telefonate il marito. L’uomo stava guardando la partita Chelsea-Manchester United in compagnia ma lei, imperterrita, non ha smesso di telefonargli. E non si è fermata qui, perché ha iniziato a chiamare anche gli amici di lui, chiedendo quando sarebbe tornato a casa.

Questa insistenza è costata alla donna molto cara. Il marito e i suoi amici, infatti, non ci hanno pensato due volte e sono andati a denunciare Joanna per molestie. A riportare la vicenda, che arriva dall’Inghilterra, è il Daily Mail.

I fatti

L’uomo, di nome Steve, si trovava a casa di una coppia di amici, John e Debbie Ashworth. La moglie era rimasta a casa, ma poi ha iniziato a chiamarlo. Steve inizialmente non ha prestato molta attenzione alle numerose chiamate perse della moglie, ma era infastidito dalla sua insistenza. Joanna, non riuscendo a contattare il marito, ha così iniziato a tempestare di telefonate la coppia di amici, costringendoli a staccare il telefono per vedere la partita in pace. All’ennesimo tentativo, ottenuta risposta, la donna li ha ricoperti di insulti.

Coppia in disaccordo - Foto di repertorio
Coppia in disaccordo – Foto di repertorio

Dopo quel comportamento Steve ha deciso, insieme agli amici, di denunciare la moglie per le molestie e le offese ricevute. È emerso che la donna aveva problemi di alcolismo e che di recente era stata mandata via dalla palestra di arti marziali dove lavorava, gestita proprio da John e Debbie, la coppia di amici del marito con cui lei aveva interrotto i rapporti.

Nei giorni precedenti alla partita, Joanna aveva tempestato di chiamate e messaggi Debbie (59 nel giro di due ore), ammettendo di fronte alle forze dell’ordine di aver bevuto la sera della lite furibonda.

In tribunale la donna si è giustificata dicendo di “essere in pensiero per il suo cagnolino“. Questa versione, però, non ha convinto i giudici, che hanno optato per una condanna a 12 mesi di servizi sociali e al pagamento di una multa da 80 sterline. La 59enne dovrà anche frequentare alcuni giorni di attività riabilitativa con il servizio di libertà vigilata. Non si sa se la coppia stia ancora insieme.

Foto: Depositphotos.com.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

L’eurodeputata maltese Roberta Metsola è stata rieletta oggi, martedì 16 luglio, alla presidenza del Parlamento europeo. La votazione, avvenuta a scrutinio segreto a Strasburgo, ha visto Metsola ottenere un’ampia maggioranza con 562 voti a favore su un totale di 699 votanti, un risultato ampiamente previsto, grazie al sostegno dei popolari, dei socialisti e dei liberali. […]