Partorisce in un capannone e abbandona la neonata in ospedale

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

A Milano, presso l’ospedale Buzzi, si è verificato un altro caso di un neonato appena nato lasciato in ospedale per essere adottato, dopo quello di Enea a Roma.

Una donna senza fissa dimora, accompagnata dai Carabinieri, si è presentata nella struttura ospedaliera dopo aver partorito una bambina in un capannone.

La neonata è stata affidata alle cure dei medici e sottoposta agli accertamenti di routine. La madre non ha fornito la sua identità e ha abbandonato la struttura senza essere trattenuta. La Procura è stata informata del caso.

Inizialmente, la donna si è rifiutata di fornire le sue generalità, ma poi ha acconsentito ai Carabinieri di identificarla.

Tuttavia, non ha riconosciuto la bambina e non le ha dato un nome. I medici del Buzzi daranno un nome alla neonata, che è sotto la loro cura. La donna, italiana di 37 anni, ha partorito la bambina in un capannone dismesso in zona Quarto Oggiaro e ha chiamato il 118 subito dopo il parto. La neonata è in buone condizioni.

Dopo un periodo di 10 giorni per permettere alla madre naturale di poter ripensare alla sua decisione e tenere la figlia, partirà la procedura di adozione.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

L’eurodeputata maltese Roberta Metsola è stata rieletta oggi, martedì 16 luglio, alla presidenza del Parlamento europeo. La votazione, avvenuta a scrutinio segreto a Strasburgo, ha visto Metsola ottenere un’ampia maggioranza con 562 voti a favore su un totale di 699 votanti, un risultato ampiamente previsto, grazie al sostegno dei popolari, dei socialisti e dei liberali. […]