Enea, Selvaggia Lucarelli: “Se decidessi di non tenere mio figlio, vorrei tutto tranne questo”

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Selvaggia Lucarelli è intervenuta sulla vicenda del piccolo Enea, il bimbo lasciato alla Culla per la vita dell’ospedale Mangiagalli di Milano. La notizia è notizia è diventata di dominio pubblico ed ha suscitato grande clamore mediatico. “Se io decidessi di non tenere mio figlio, vorrei tutto tranne questo”, ha detto Lucarelli: il suo commento.

Selvaggia Lucarelli: “Chiasso indelicato e sbagliato”

Si continua a parlare della vicenda di Enea, il bimbo lasciato dalla mamma alla Culla per la Vita dell’ospedale Mangiagalli, a Milano, nel giorno di Pasqua. Quanto è accaduto è diventato di dominio pubblico, generando un potente tam tam mediatico. Su quel clamore è intervenuta Selvaggia Lucarelli, che ha pubblicato sui social il suo commento.

“Sto leggendo gli articoli (ovunque) su questa madre che avrebbe lasciato il proprio neonato in quella che oggi si chiama Culla per la vita e prima si chiamava Ruota dell’abbandono. Un luogo sicuro collegato ad un ospedale in cui lasciare un bambino che non si vuole o non si può crescere”, ha esordito la giornalista.

“Un servizio giusto, se non fosse che nel momento in cui tu offri quel servizio per evitare che una madre, magari incapace di gestire la situazione, magari spaventata all’idea di doversi rivelare o dover dare spiegazioni, sarebbe cosa opportuna rispettare il silenzio“.

“Il silenzio di chi ha preso una decisione cercando l’anonimato. Il chiasso di questi giorni è indelicato e profondamente sbagliato. Il Policlinico ha diffuso la notizia, ha condiviso con la stampa il testo della lettera lasciata dalla madre, ci si è lanciati in identikit parlando di giovane età visto lo slang ”giovanile” della lettera”, ha scritto ancora Selvaggia Lucarelli.

Enea, Selvaggia Lucarelli: "Se decidessi di non tenere mio figlio, vorrei tutto tranne questo"
Selvaggia Lucarelli

“Il primario, addirittura, ha rilasciato un’intervista parlando di sconfitta della società e invitando la madre a ripensarci, se vorrà. Ecco. Se io decidessi di non tenere mio figlio vorrei tutto tranne questo. Leggere sui giornali i titoli sulla mia scelta, il nome del bambino, i giudizi altrui, il testo della mia lettera spiattellato, il primario che ritiene la mia decisione una sconfitta per tutto il Paese che non ha saputo ascoltare il mio grido di dolore (ma chi l’ha detto, poi?). Insomma”.

Non sbandierate queste opportunità come prova di grande civiltà se poi la scelta di una madre anonima la gestite come un lancio stampa di Sanremo. E non stupitevi, soprattutto, se la prossima madre, magari spaventata dall’eventuale clamore, il neonato lo lascia in un cassonetto. P.s. Ora abbiamo anche Greggio che fa l’appello perché la donna ci ripensi. Ovviamente il padre non pervenuto, lui ha il diritto all’oblio”, è la conclusione di Selvaggia Lucarelli.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria