Manager molestata da amministratore delegato: “lo posso toccare il c…?”

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Una manager di 42 anni ha infranto con coraggio il silenzio e la paura, denunciando l’amministratore delegato di una rinomata azienda di logistica. L’accusa è pesantissima nei confronti del manager: molestie sessuali. Il quotidiano locale “Il Giorno” ha riportato che la vicenda è ora al centro di un’indagine guidata dal pubblico ministero Pasquale Addesso del quinto dipartimento della Procura di Milano.

La denuncia della manager

Secondo quanto denunciato dalla donna, durante una riunione aziendale, l’attenzione si sarebbe spostata violentemente sui toni del sessismo e dell’abuso di potere. Secondo il racconto della vittima, l’amministratore delegato 36enne, dopo aver salutato i presenti maschi con una stretta di mano, si è rivolto alla manager con commenti inappropriati, arrivando a toccarla fisicamente.”Fatemi abbracciare la…” pronunciando il suo cognome che avrebbe storpiato per un doppio senso sessuale. Avrebbe continuato: “Ma te lo posso toccare il c…?” e l’ha palpeggiata. Ha poi iniziato a ridere, seguito a ruota dagli altri dirigenti uomini: “Lasciatemi scherzare, in questo mondo difficile”.

Le indagini sull’accaduto

La manager, lasciata la sala riunioni in segno di protesta, si è vista consigliare di ignorare l’accaduto, ma ha scelto invece di agire, rivolgendosi all’avvocata Laura Panciroli. Il pubblico ministero ha recentemente notificato all’amministratore delegato l’avviso di conclusioni indagini, preludio a una possibile richiesta di rinvio a giudizio per violenza sessuale aggravata dall’abuso di autorità.

L’uomo accusato anche di mobbing

La situazione per l’accusato si complica ulteriormente a seguito di un tentativo di demansionamento nei confronti della manager, propostole dopo la denuncia. Questa mossa potrebbe rappresentare un’ulteriore discriminazione di genere e mobbing, spingendo la manager a ricorrere alla consulenza di un giuslavorista. Un ricorso d’urgenza è stato depositato presso il tribunale del lavoro di Milano.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria