Lavoratori La7 contro Myrta Merlino: “Comportamenti incivili”

di Manuela Zanni

La RSU (Rappresentanza Sindacale Unitaria)  di La 7, la rete diretta da Urbano Cairo ha  emesso un comunicato sindacale attraverso il quale ha apertamente attaccato Myrta Merlino, parlando di comportamenti incivili e maleducati da parte della giornalista e conduttrice nei confronti dei lavoratori. Scopriamo, di seguito, cosa è successo.

Lavoratori La7 contro Myrta Merlino, la nota ufficiale

Tanta confusione, ma soprattutto tanta rabbia in casa La7 che ha emesso una nota ufficiale nei confronti di Myrta Merlino per denunciarne i comportamenti definiti incivili e maleducati. “La RSU, nell’incontro sindacale del 30 novembre, ha riportato all’Azienda le numerosissime segnalazioni pervenute da parte dei lavoratori sull’atteggiamento della giornalista Myrta Merlino conduttrice del programma L’Aria che Tira. Il volto di rete frequentemente adotta nei confronti dei colleghi e del personale in appalto comportamenti incivili e maleducati; influenza la possibilità di prolungare contratti di personale specializzato che lavora professionalmente nella nostra azienda e, condiziona le turnazioni del personale interno con motivazioni che non possono essere considerate né di tipo personale e né di tipo etico.” si legge nella nota.

Myrta Merlino

Myrta Merlino

La richiesta di provvedimenti nei confronti di Myrta Merlino

Con questo comunicato i lavoratori di La7 si sono scagliati contro Myrta Merlino, chiudendo anche la nota con la richiesta di provvedimenti diretti da parte dei vertici di La7. “La RSU esprime la sua ferma contrarietà nei confronti del comportamento della conduttrice ed auspica che dopo questa formale segnalazione vengano finalmente adottate le necessarie misure da parte dei vertici aziendali al fine di ripristinare il corretto rapporto individuo – Azienda e di ristabilire il giusto clima lavorativo, ad oggi deteriorato.”

I  (presunti) comportamenti incivili della Merlino

Ma cosa farebbe di tanto “incivile” la Merlino? Secondo una ricostruzione di Dagospia, l’elenco di “malefatte sarebbe lungo e variegato: dall’utilizzo dei redattori del programma per preparare gli interventi ad eventi fuori della 7 alle lamentele per la colazione (tè e cornetto) non gradita, da un mitologico lancio di uno sgabello alle richieste di prenotarle cerette o ritirarle gli abiti in tintoria o portarle il cane dal veterinario.

Ci sarebbe poi chi insinua che una sua inviata sarebbe stata la baby sitter dei suoi figli e che, oltre alla giusta messa in piega, la conduttrice richieda anche che le venga spalmata la crema sui piedi prima delle puntate. Puntate nelle cui pause scoppierebbe spesso liti con i tecnici che, forse complici le veraci origini del volto della rete di Urbano Cairo, finirebbero frequentemente in urlate fragorose.

Chi è Myrta Merlino

Myrta Merlino, giornalista e conduttrice di origini napoletane. Diventata famosa anche per la sua relazione con l’ex calciatore ed allenatore di calcio Marco Tardelli. Ha lavorato per il Consiglio dei Ministri della Comunità Economica Europea in ambito finanziario e come giornalista a Il mattino. Dopo l’esperienza della carta stampata ha deciso di dedicarsi ai programmi televisivi, come Mixer, Italia Maastricht, La storia siamo noi, Mister Euro, Casa Rai Uno, occupandosi sempre di economia. Nel 2009 è passata dalla Rai a La7, prima con Effetto Domino poi con L’aria che tira che conduce tutt’oggi con successo. La giornalista ha anche scritto alcuni libri di economia che hanno ottenuto un ottimo riscontro come La moneta, Gli affari nostri, L’aria che tira.

La vita privata di Myrta Merlino

Myrta Merlino e Marco Tardelli

Myrta Merlino e Marco Tardelli

LEGGI ANCHE: Codacons denuncia Mediaset, Signorini e concorrenti 

Myrta Merlino è nata a Napoli il 3 maggio 1968 da Giuseppe Merlino e Annamaria Palermo, direttrice dell’Istituto Italiano di Cultura di Pechino (ruolo che ha ricoperto dal 1993 al 1996) e famosa sinologa e professoressa universitaria. La mamma era nata nel 1943 ed è scomparsa nel 2017 ed era figlia di Giulio Palermo (esponente della borghesia napoletana) mentre suo zio, Mario Palermo, è stato un illustre politico e militare italiano. Myrta Merlino è laureata in Scienze Politiche con lode. Ha tre figli: Caterina, avuta da Domenico Arcuri, e i gemelli Pietro e Giulio nati da una precedente relazione precedente a quella con Marco Tardelli a cui è legata sentimentalmente dal 2016.  Al settimanale Oggi la giornalista e conduttrice de La7 confida che «l’amore mi ha regalato una pace che non avevo. Sono diventata sicura. Mi esprimo meglio anche nel lavoro. Avevo una maschera, ora non più… Adesso mi sono liberata». Sul rapporto con Tardelli ha aggiunto: «Stiamo male se non ci vediamo, se non stiamo vicini. I miei figli mi prendono in giro, ma io un amore così non l’ho mai avuto, nemmeno a 18 anni. Mi sono sposata giovane, dicendo ‘finché morte non ci separi’ senza manco capire cosa significasse. Ora ho chiaro in mente che cosa significhi: Marco è questo, da cinque anni”.

LEGGI ANCHE: Perché Pamela Prati ha denunciato Barbara D’Urso?

 

 

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

Wedding Tourism, tutti pazzi per le nozze in Italia Sempre più stranieri, quindi, si rivolgono al wedding tourism per organizzare le proprie nozze in Italia. I dati provengono dall’Osservatorio Destination Weddings in Italy, condotto da Centro Studi Turistici e finanziato dal ministero del Turismo. Secondo Businesswire, il mercato globale del destination wedding ha raggiunto un […]

3 min

Bianca Balti ha raccontato in lacrime lo spavento dopo il messaggio in cui la scuola le comunicava di aver preso precauzioni a seguito di attività della polizia nel quartiere. Scopriamo, di seguito, cosa è successo. Cosa è successo a Bianca Balti (e alla figlia) Bianca Balti con  le lacrime agli occhi e la voce rotta […]

2 min

“Un’azione mirante a umiliare e a uccidere una comunità attraverso singolari e talvolta sistematici atti perpetrati in questo o quel villaggio”. Così un rapporto inviato all’Agenzia Fides, firmato da don Justin Nkunzi, Direttore della Commissione “Giustizia e Pace” dell’Arcidiocesi di Bukavu, capoluogo del Sud Kivu, descriveva fin dal 2007  l’uso strumentale delle violenze sessuali come […]