Laura Pausini si difende: “Non canto canzoni politiche” ma PIF l’attacca

di Redazione

Continua la polemica sulla scelta di Laura Pausini di non cantare Bella Ciao durante uno show spagnolo perché ritiene la canzone “troppo politica”.

La diretta interessata, su Twitter, ha ribadito la sua decisione: “Non canto canzoni politiche né di destra né di sinistra. Canto quello che penso della vita da 30 anni. Che il fascismo sia una vergogna assoluta sembra ovvio a tutti. Non voglio che nessuno mi usi per propaganda politica. Non inventassero ciò che non sono”.

Sulla vicenda è intervenuto su Twiter anche Pif, ovvero il conduttore tv e regista Pierfrancesco Diliberto, che ha affermato: “Pensare di non cantare ‘Bella Ciao’, per non voler prendere posizione, è una gran minchiata. Quando ti rifiuti di cantarla hai già preso posizione’. Al mio funerale cantate ‘Bella Ciao. Perché voglio prendere posizione, al riguardo, anche da morto”.

Laura Pausini

Laura Pausini

A difendere Laura Pausini il regista Daniele Vicari che ha diretto il film Diaz sulle vicende del G8 di Genova: “Amo che ‘Bella Ciao’ la cantino i Curdi, mi commuove, una parte di me è lì con loro quando accade. Ma sostengo la libertà della Pausini nel cantare o nel non cantare ciò che le aggrada, non è un jukebox! Solo in un’epoca malata di tifo come la nostra può nascere una discussione così idiota. ‘Bella ciao’ vuol dire libertà, non dimentichiamolo”.

LEGGI ANCHE: Laura Pausini col Covid-19: “C’era qualcosa che non andava all’Eurovision”


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

4 min

Corre voce  per entrare ad un evento esclusivo a Palermo e avere la possibilità di fare un selfie con Chiara Ferragni, 60 persone abbiano dovuto pagare 50 euro a testa. La verità però è un’altra: scopriamo, di seguito, come sono andate davvero le cose. Il “caso” dei 50 euro per un selfie di Chiara Ferragni […]