Instagram blocca Giulia dopo le critiche a Chiara Ferragni: perché il profilo dell’11enne è stato chiuso?

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Non accennano a placarsi le polemiche per il botta e risposta via social tra Chiara Ferragni e una sua follower di 11 anni, di nome Giulia. La giovane aveva criticato un selfie dell’imprenditrice, in cui posava quasi senza velo. Dopo che è scoppiato un vero e proprio “caso”, il profilo della giovane è stato bloccato, ma c’è un motivo: scopriamo insieme qual è.

La polemica tra Chiara Ferragni e Giulia

Tutto ha avuto inizio lo scorso 27 maggio, quando Chiara Ferragni ha condiviso una sua foto allo specchio, nella quale posa indossando solo un paio di slip. Tra i tanti commenti arrivati, si era fatto notare quello di Giulia, 11 anni.

La ragazzina aveva chiesto: “Qual è il messaggio per noi ragazzine? Che dobbiamo metterci nude per farci notare?”. Era seguita una replica da parte di Ferragni e non erano mancati interventi tra chi si era schierato a favore o contro l’una o l’altra delle protagoniste.

Qualche ora dopo, l’account di Giulia è stato bloccato. “Io non posso accettare che mia figlia per aver espresso un’opinione, peraltro condivisa da tante persone, sia stata messa a tacere, bannata, eliminata. Inoltre, con la chiusura del profilo perdiamo cinque anni di ricordi, di gare, di momenti belli condivisi con la comunità dell’equitazione”, ha commentato la madre della giovane, Vittoria.

Perché Instagram ha chiuso il profilo

Il motivo che ha portato alla chiusura dell’account, è abbastanza semplice: a 11 anni non si potrebbe avere un account su Instagram. Il decreto legislativo 101 del 10 agosto 2018 ha introdotto in Italia le norme del GDPR, il Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali votato dal Parlamento Europeo.

Il testo spiega che i minori possono esprimere il loro consenso al trattamento dei dati personali (quindi aprire un account) a partire dai 14 anni: “Il minore che ha compiuto i quattordici anni può esprimere il consenso al trattamento dei propri dati personali in relazione all’offerta diretta di servizi della società dell’informazione”. Su questo punto c’è anche una tolleranza di un anno, quindi di fatto il limite è fissabile a 13 anni.

Instagram ha delle regole ancora più precise: per accedere al social network, infatti, bisogna avere almeno 13 anni. Fino a 17 anni, inoltre, almeno in teoria il profilo dovrebbe essere privato, con contenuti visibili solo ai follower. Il profilo di Giulia, che ha 11 anni, era pubblico, con oltre 27mila follower. Certo, sempre in teoria quel profilo potrebbe essere gestito dai genitori, ma la stessa mamma di Giulia ha detto di aver trovato il commento espresso dalla figlia “giusto e maturo”.

Il dibattito, naturalmente, rimane aperto, perché chiama in causa argomenti sui quali si discute da tempo. Al momento, non risulta possibile raggiungere il profilo di Giulia.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

“Condanniamo con forza i ripetuti episodi di stalking e violenza verbale, palesemente diffamatori, che sono stati perpetrati in questi giorni dal cantante Morgan ai danni dell’ex compagna Angelica Schiatti, alla quale esprimiamo vicinanza e solidarietà”. Lo ha detto la presidente del Movimento Italiano per la Gentilezza, Natalia Re, commentando la notizia degli atti diffamatori che […]