Giada Canino, ballerina con sindrome di Down insultata sui social, risponde agli haters: “Stop ai bulli!”

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Giada Canino ha 17 anni ed è una danzatrice paralimpica con la sindrome di Down. Sui social è stata presa di mira dagli haters, con insulti e messaggi di scherno, ma non si è lasciata scoraggiare e ha risposto con un video.

Giada Canino e il suo papà rispondono agli haters

I bulli non mi piacciono. Le persone non vanno prese in giro, mai“: nessun dubbio per Giada Canino, ballerina 17enne di Calolziocorte, provincia di Lecco. La passione per la danza l’accompagna da sempre e ha collezionato tante medaglie regionali e nazionali, entrando in Special Olympics, l’associazione che nel 2025 organizzerà a Torino i Giochi Mondiali Invernali.

In quell’occasione, la 17enne parteciperà insieme a oltre 3mila atleti con disabilità intellettive. Giada è una danzatrice paralimpica con la sindrome di Down. Su TikTok è seguita da oltre 13mila persone, ma è purtroppo stata mira degli attacchi di alcuni bulli virtuali.

A darle man forte, contro l’odio social, c’è il papà Elio, che si mostra con lei davanti alle telecamere: “Non smetterà certo di farlo ora, per gli insulti che postano pochi imbecilli. Non era mai successo nulla del genere, né a scuola né online. Giada per fortuna non ha reagito troppo male: semplicemente ha iniziato a chiedere a me e a mia moglie perché certe persone se la prendessero con lei con tanta cattiveria. ‘È perché sono brutta o perché ho la sindrome di Down?’ ci domandava”.

“Giada ha tutta la nostra stima e rispetto”

L’importante, sottolinea Elio Canino, “è è reagire e denunciare i loro attacchi. Non a caso, dopo il videomessaggio antibullismo che io e Giada abbiamo registrato sono completamente scomparsi. Leoni da tastiera nel vero senso del termine, nascosti dietro a un nickname e incapaci di sostenere le loro opinioni”.

Per fortuna, Giada Canino ha tantissimi sostenitori, a cominciare dalla sua famiglia, ben più numerosi degli haters: “Giada è una ragazza solare e simpatica che ama la musica e la danza, tanto che fa dei video su TikTok mentre balla. Leggendo alcuni commenti si è accorta di tantissimi messaggi offensivi verso di lei. Anche se non ti piacciono i suoi video, questo non dà il diritto di offenderla. Giada ha tutta la nostra stima e rispetto. Vai avanti, divertiti con i tuoi video e non pensare a loro”, si legge sulla pagina Facebook dell’Associazione contro il bullismo scolastico (ACBS), che le ha pubblicamente dimostrato il proprio sostegno.

Giada Canino con il papà Elio

Vincenzo Vetere, fondatore e presidente di ACBS, ha scritto sui propri canali social ufficiali: “La storia di Giada mi ha commosso parecchio e mi ha fatto tanto riflettere. Giada ha subito attacchi di cyberbullismo perché si diverte a condividere sui social i video mentre danza. Uno dei motivi per cui i cyber-bulli scelgono la propria vittima é proprio quella di farla smettere di sognare e di realizzarsi nella vita. Giada non sei sola, ricordatelo sempre“.

Anche la ministra per le Disabilità, Alessandra Locatelli, ha espresso il suo sostegno, telefonando alla famiglia Canino, per invitare Giada a Roma. “Qualcuno negli ultimi giorni mi ha suggerito di togliere mia figlia dai social per non esporla alla cattiveria di certa gente, ma secondo me non è questa la strada giusta. Significherebbe darla vinta ai bulli, mentre è giusto affrontarli a testa alta. Porteremo avanti questa battaglia. Mia figlia ama fare quei video e ha il diritto di coltivare la sua passione”, conclude papà Elio.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

L’azienda ha rispettato l’impegno preso verso i propri apicoltori mantenendo le promesse fatte per il raccolto 2023. Per tutelare un settore a rischio come quello del miele, ha corrisposto ai suoi collaboratori un compenso congruo, permettendo così di garantire il futuro di questo comparto strategico per l’intero sistema agroalimentare e per la tutela degli ecosistemi […]