Fleximan è un eroe? Rabbia di un papà che ha perso un figlio in un incidente

di Gaetano Ferraro


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

La controversa figura di Fleximan divide l’opinione pubblica. Il misterioso giustiziere degli autovelox conosciuto con il nome di “Fleximan” continua a far discutere in tutta Italia. Mentre alcuni lo acclamano come un eroe ribelle che si oppone al business delle multe, altri lo condannano come una minaccia alla sicurezza stradale.

La rabbia di un padre che ha perso un figlio

Tra questi ultimi c’è Paolo Battistini, responsabile delle sedi di Padova, Venezia e portavoce per Rovigo dell’Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada (Aifvs), che in una lettera al Corriere della Sera ha espresso tutto il suo dolore e la sua rabbia nel vedere Fleximan ergersi ad eroe popolare. Battistini ha perso il figlio 15enne Andrea in un tragico incidente stradale causato dall’alta velocità. Da oltre 20 anni l’uomo si impegna nella sensibilizzazione nelle scuole sull’educazione stradale, sottolineando i pericoli di guida in stato di ebrezza o sotto l’effetto di droghe e l’importanza di rispettare i limiti.

Sbagliato elogiare Fleximan

“Se avesse rispettato i limiti si sarebbe salvato”, ha detto Battistini riferendosi all’incidente in cui ha perso Andrea. Secondo le perizie tecniche, il ragazzo e gli altri due passeggeri si sarebbero salvati se il guidatore avesse rispettato i limiti di velocità. Elogiare Fleximan e la sua crociata contro autovelox e multe significa dunque, per Battistini, contribuire ad alimentare una cultura che non rispetta le regole della strada, mettendo in pericolo le vite altrui. La maggior parte degli incidenti mortali potrebbe essere evitata se solo si rispettassero i limiti, è il messaggio che questo padre addolorato continua a portare avanti.

La controversa figura di Fleximan

La vicenda di Fleximan ha suscitato sentimenti contrastanti nell’opinione pubblica. C’è chi lo considera un paladino della giustizia che si oppone a multe ingiuste, ma c’è anche chi come Paolo Battistini lo vede come una minaccia alla sicurezza e un pessimo esempio per i più giovani. La lotta agli eccessi di velocità e il business degli autovelox continueranno ad essere temi caldi, ma forse prima di schierarsi bisognerebbe ascoltare voci come quella di Battistini e riflettere sugli effetti che certi messaggi possono avere sulla cultura della sicurezza stradale.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

“Condanniamo con forza i ripetuti episodi di stalking e violenza verbale, palesemente diffamatori, che sono stati perpetrati in questi giorni dal cantante Morgan ai danni dell’ex compagna Angelica Schiatti, alla quale esprimiamo vicinanza e solidarietà”. Lo ha detto la presidente del Movimento Italiano per la Gentilezza, Natalia Re, commentando la notizia degli atti diffamatori che […]