Vincenza uccisa dal marito davanti ai figli piccoli: lui pensava avesse un amante

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Un altro efferato femminicidio. Si tinge di sangue la vicenda familiare che ha portato all’omicidio di Vincenza Angrisano, 42enne uccisa nel pomeriggio di mercoledì scorso nella sua abitazione di Andria dal marito 51enne Luigi Leonetti. L’uomo, reo confesso, ha utilizzato un coltello da cucina per sferrare alla donna tre fendenti al torace e all’addome, togliendo barbaramente la vita alla compagna. Sospettava che la donna avesse una relazione extra coniugale con un altro uomo.

Il marito Luigi Leonetti ha confessato il delitto

Un delitto compiuto alla presenza dei due figli minori della coppia, di 6 e 12 anni, che potrebbero aver assistito impotenti alla terribile scena. Le continue liti e i dissapori coniugali, sfociati anche in episodi di violenza negli ultimi mesi, sono alla base del gesto folle di Leonetti.

Un rapporto coniugale deteriorato da circa un mese

Stando alle prime ricostruzioni, il rapporto tra Vincenza e Luigi si era deteriorato da circa un mese, quando nella notte tra il 21 e il 22 novembre l’uomo aveva schiaffeggiato la moglie al suo rientro a casa, causandole lesioni guaribili in 4 giorni. La volontà della donna di lasciare il marito e la presunta confessione di una relazione extraconiugale avrebbero fatto da miccia alla furia omicida del 51enne.

L’autopsia sul corpo martoriato della donna

L’uomo si trova ora nel carcere di Trani con l’accusa di omicidio volontario aggravato dal vincolo coniugale. La salma della povera Vincenza è stata posta sotto sequestro in attesa dell’autopsia, fissata per sabato mattina, che farà luce sulle precise cause del decesso. E’ attesa anche la decisione del gip sulla convalida del fermo e sull’emissione della misura cautelare.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria