Finiscono in ospedale dopo aver preso un farmaco per dimagrire contraffatto: qual è e cosa si rischia

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Diverse persone sono finite in ospedale, dopo aver assunto una versione contraffatta del farmaco Ozempic, nella speranza di perdere peso velocemente. Già la scorsa settimana, l’Agenzia europea per i medicinali aveva avvertito che, in diversi Paesi, c’era il rischio che circolassero versioni false e pericolose del farmaco.

La notizia arriva dall’Austria e le informazioni sono state diffuse dall’Ufficio federale anticrimine austriaco. L’Ozempic è un farmaco prodotto dall’azienda Novo Nordisk, il cui principio attivo è chiamato semaglutide. È stato sviluppato nel 2012 per la trattare il diabete e, tra i suoi effetti collaterali, c’è anche una rapida perdita di peso. Per questo motivo, alcuni medici hanno iniziato a prescriverlo a pazienti non affetti da diabete, ma comunque in sovrappeso, oppure interessati a perdere peso con rapidità.

Dimagrire
Prendono farmaco per dimagrire contraffatto e finiscono all’ospedale

Dato che non tutti i medici sono favorevoli a prescrivere questo farmaco per perdere peso, qualora il paziente non sia affetto né da obesità né da diabete, e anche perché si è registrata una grave carenza, alcune persone hanno iniziato a comprare farmaci sul mercato nero, presentati come contenenti semaglutide. In Austria sarebbe accaduto proprio questo: i farmaci di cui si parla erano a base di un altro principio attivo, l’insulina.

“Le siringhe possono essere ottenute legalmente solo dai medici attraverso le farmacie o da medici che lavorano negli studi medici che hanno una farmacia. In questo caso è probabile che le siringhe siano state ottenute per altra via”, si legge in un comunicato delle autorità austriache, secondo cui le persone che hanno assunto il prodotto contraffatto sarebbero anche potute morire, se non avessero ricevuto cure immediate.

I dettagli

Il servizio di intelligence criminale austriaco, il Bk, ha svolto accertamenti: è emerso che le persone finite in ospedale avevano ricevuto le siringhe da un medico con sede in Austria. Gli investigatori hanno accertato che “le penne per iniezione contraffatte erano colorate di un blu più scuro rispetto agli articoli originali”, avvertendo che “le scorte del farmaco falso potrebbero essere ancora in circolazione” e invitando “medici e pazienti a controllare le loro”.

La settimana scorsa, l’Ema e l’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari (Mhra) del Regno Unito hanno avvertito che le penne per iniezione Ozempic contraffatte, provenienti da fornitori in Austria e Germania, erano state identificate presso grossisti nel Regno Unito e nell’UE.

Foto: Depositphotos.com.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Negli ultimi giorni, l’Italia ha registrato un aumento significativo dei casi di Covid-19, sorprendentemente collegato ai concerti di Taylor Swift tenutisi il 13 e 14 luglio 2024 allo Stadio San Siro di Milano. L’evento ha attirato oltre 130.000 fan da tutta Europa, creando una situazione che molti esperti di salute pubblica avevano previsto potesse comportare […]