Donna salvata dal marito violento grazie al gesto universale anti-violenza

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Una donna, da anni vittima di abusi domestici insieme al figlio minorenne, è riuscita a chiedere aiuto e trovare la via della salvezza grazie al cosiddetto gesto antiviolenza universale. Durante una visita medica domiciliare, con un gesto discreto ma eloquente, la donna ha mostrato la mano con il pollice piegato nel palmo e le altre dita verso il basso a chiudere il pollice, simbolo internazionalmente riconosciuto per richiedere soccorso in caso di violenza domestica.

La donna in salvo

Il personale medico ha subito allertato le forze dell’ordine, che hanno messo in salvo la donna e il ragazzo, portandoli in una casa protetta lontano dall’abitazione familiare. La polizia giudiziaria ha poi emesso nei confronti del marito violento un provvedimento di divieto di avvicinamento alla moglie e al figlio, oltre all’obbligo di indossare un braccialetto elettronico per essere costantemente monitorato.

Il “signal for help” ideato durante il lockdown per le vittime di violenza domestica

Il gesto universale antiviolenza consiste nel mostrare una mano con il pollice piegato nel palmo e piegando le altre dita verso il basso, chiudendo il pollice tra le dita, come per ‘intrappolarlo’ simbolicamente. Il cosiddetto Signal for Help è stato ideato dalla Canadian Women’s Foundation durante la pandemia quando, a causa del lockdown, la situazione delle donne vittime di abusi in famiglia è nettamente peggiorata dovendo per forza rimanere a contatto con il loro aguzzino 24 ore su 24 senza possibilità di fuga. In quell’occasione è nata la necessità di un segno convenzionale per chiedere aiuto, da mostrare durante le videochiamate, unico contatto con il mondo consentito in quel periodo.

Come riconoscere e reagire al gesto convenzionale di richiesta di aiuto

Il gesto, valido a livello nazionale, stato realizzato per essere immediato ma, soprattutto, per non essere facilmente intercettato. È rapido e può essere confuso facilmente come un gesto di saluto. Dopo la sua ideazione, avvenuta nell’aprile del 2020, ben presto si è diffuso tramite la piattaforma di video social TikTok. Conoscere questo gesto è molto importante perché riuscendo a capirlo si potrà aiutare chi ha bisogno e non sa come fare. Qualora succedesse di imbattersi in una donna, ma anche in un uomo, che fa questo gesto, ci sono diversi modi di reagire l’importante è non girarsi dall’altra parte.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Alzi la mano chi non ripensa con una certa ansia ai giorni dell’esame di maturità. Oggi, 526.317 ragazzi italiani hanno affrontato questa sfida, che ha lasciato ricordi indelebili anche tra i personaggi famosi. Alcuni di loro si sono distinti con voti eccezionali, mentre altri hanno ottenuto risultati più modesti. Scopriamoli insieme. I voti dei politici […]