Minacce e telecamere per spiare la compagna: ora l’incubo è finito

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Un uomo di 52 anni, non accettando la fine della relazione con una donna di 47 anni, aveva assunto il totale controllo della sua vita, persino installando in casa le telecamere con il divieto assoluto di vedere amici e familiari. Il 52enne minacciava la 47enne di condividere online le immagini dei loro momenti intimi, riprese a sua insaputo.

L’incubo della donna, però, è finito. L’uomo è stato fermato ieri, lunedì 17 ottobre, a Brughiero, comune della provincia di Monza e Brianza.

Stando a quanto emerso, nel corso della relazione, il compagno era divenuto geloso, imponendole di “scegliere fra lui e le sue amicizie”, fino a impedirle di frequentare la propria famiglia. Inoltre, l’uomo la controllava con videocamere installate in casa, senza che la donna lo sapesse.

E, purtroppo, non finisce qui: il 52enne ascoltava ogni conversazione telefonica e spiava ogni movimento della 47enne, in qualsiasi stanza.

Durante l’ultima lite, quando la donna ha deciso di chiudere il rapporto, lui l’ha colpita con uno schiaffo e l’ha minacciata di condividere via web con conoscenti e colleghi di lavoro le immagini dei loro momenti intimi riprese a sua insaputa.

Per il 52 enne è scattato il divieto di avvicinamento, emesso dal GIP di Milano, quale misura cautelare per atti persecutori, interferenze illecite nella vita privata e accesso abusivo ad un sistema informatico.

LEGGI ANCHE: Il pranzo non è pronto, 36enne ustiona la fidanzata.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

L’eurodeputata maltese Roberta Metsola è stata rieletta oggi, martedì 16 luglio, alla presidenza del Parlamento europeo. La votazione, avvenuta a scrutinio segreto a Strasburgo, ha visto Metsola ottenere un’ampia maggioranza con 562 voti a favore su un totale di 699 votanti, un risultato ampiamente previsto, grazie al sostegno dei popolari, dei socialisti e dei liberali. […]