Bonus Asilo nido 2024: come cambia e di quanto aumentano gli importi

di Gaetano Ferraro


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Cambiano i bonus che aiutano le famiglie a sobbarcarsi le spese per il mantenimento dei figli. Con la recente approvazione della Legge di Bilancio 2024, il Governo targato Meloni ha deciso di riconfermare e rafforzare il Bonus Asilo Nido, l’agevolazione pensata per sostenere le famiglie nel pagamento delle rette per gli asili nido pubblici e privati. La misura però ha subito alcune importanti modifiche che entreranno in vigore a partire dal 2024. Scopriamo insieme quali sono tutte le modifiche apportate al bonus che consente di avere dei vantaggi economici per i bambini che frequentano gli asili nido.

Bonus asilo nido 2024, cosa cambia rispetto agli anni precedenti

Bimbo di 2 anni muore soffocato all'asilo nido dopo aver mangiato un pezzo di pane

In particolare, per i nuclei familiari con un valore ISEE fino a 40.000 euro, nei quali sia già presente almeno un figlio di età inferiore ai 10 anni, è stato previsto un aumento del bonus di 2.100 euro annui. Ciò significa che per questa categoria di beneficiari il contributo massimo salirà a 3.600 euro, rispetto ai 3.000 euro degli anni precedenti. Vediamo quindi nel dettaglio come cambia il Bonus Nido e di quanto aumentano gli importi in base all’ISEE.

Bonus Nido 2024: gli aumenti in base all’ISEE

– Per chi ha un ISEE fino a 25.000 euro e un altro figlio under 10, il bonus sale da 3.000 euro a 3.600 euro annui (+600 euro);

– Per chi ha un ISEE tra 25.001 e 40.000 euro e un altro figlio under 10, il bonus sale da 2.500 euro a 3.600 euro annui (+1.100 euro);

– Per chi ha un ISEE sopra i 40.001 euro, il bonus resta invariato a 1.500 euro annui.

In sostanza, le risorse aggiuntive previste in Legge di Bilancio per il 2024 (pari a 2.100 euro annui) vengono distribuite in questo modo:

– 600 euro in più per redditi ISEE fino a 25.000 euro
– 1.100 euro in più per redditi ISEE tra 25.001 e 40.000 euro

Così facendo, per la fascia di beneficiari con ISEE fino a 40.000 euro e con un altro figlio under 10, si ottiene un bonus complessivo pari a 3.600 euro.

Il bonus asilo nido per tutti gli altri beneficiari

Per tutti gli altri beneficiari, ossia senza i requisiti aggiuntivi, gli importi del Bonus Nido rimangono ancorati al valore ISEE:

– 3.000 euro annui con ISEE fino a 25.000 euro
– 2.500 euro annui con ISEE tra 25.001 e 40.000 euro
– 1.500 euro annui con ISEE sopra 40.001 euro.

Bonus Nido 2024: come richiederlo all’INPS

Per ottenere il Bonus Nido, anche con gli importi maggiorati validi dal 2024, sarà necessario come di consueto presentare apposita domanda sul sito INPS accedendo tramite SPID, CIE o CNS. In alternativa ci si può rivolgere ad un patronato. Nella domanda online bisognerà inserire:

– Denominazione e codice fiscale dell’asilo nido
– Estremi del provvedimento autorizzativo
– Mesi di frequenza scolastica per cui si richiede il bonus

Verrà inoltre richiesto di allegare:

– Ricevute di pagamento di almeno una retta mensile
– Documentazione di iscrizione o inserimento in graduatoria (per nidi pubblici)

I termini per fare domanda rimangono i soliti:

– Entro il 31 dicembre per rette sostenute nel corso dell’anno
– Fino al 1° luglio per rette dell’anno precedente

Ricordiamo infine che il Bonus Nido spetta per i figli fino a 3 anni di età compiuti nel periodo tra gennaio e agosto 2023 (per rette 2024). Possono richiederlo i genitori in possesso dei requisiti di cittadinanza e residenza, oltre ad essere il soggetto che sostiene il pagamento delle rette.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

“Condanniamo con forza i ripetuti episodi di stalking e violenza verbale, palesemente diffamatori, che sono stati perpetrati in questi giorni dal cantante Morgan ai danni dell’ex compagna Angelica Schiatti, alla quale esprimiamo vicinanza e solidarietà”. Lo ha detto la presidente del Movimento Italiano per la Gentilezza, Natalia Re, commentando la notizia degli atti diffamatori che […]