Come lavare un cane e ogni quanto?

di Alice Marchese

Lavare un cane è importante e necessita di qualche accorgimento per sviluppare poi una buona tecnica. Un aspetto essenziale è quello di dargli il tempo di familiarizzare gradualmente con l’acqua. Un’idea potrebbe essere quella di posizionare l’animale in una vasca vuota: nel frattempo, lo si intrattiene con un giocattolo, lo si accarezza e ci si rivolge a lui con un tono di voce rassicurante, in modo che associ il bagno a un’esperienza gradevole. Sarebbe opportuno farlo almeno una volta al mese, i lavaggi frequenti rischiano di dar fastidio al cane.

Come lavare un cane: tutti gli step

Per lavare un cane è necessaria calma ed è importante che questo sia addestrato al bagnetto fin da quando è cucciolo, ma è bene evitare di lavarlo prima delle 5 settimane di età: nei primissimi giorni di vita le sue difese immunitarie non sono completamente sviluppate e rischia di essere più esposto a problemi di salute.

Lavare un cane: prima fase è la spazzolata

Il primo step per lavare un cane è la spazzolata. L’asportazione dello sporco più superficiale, del pelo morto e di eventuali grovigli favorirà la successiva penetrazione dello shampoo, rendendone più efficace l’effetto detergente. Per mantenere un manto morbido e vaporoso, puoi ricorrere a specifici oli o balsami, da applicare ogni 2-3 settimane. Le orecchie devono essere adeguatamente protette perché l’acqua potrebbe causargli la proliferazione di agenti infettivi.

Leggi anche: 6 cose da sapere prima di adottare un cane

Bagna il cane dal collo in giù

Durante il lavaggio del cane, evita accuratamente la testa e il muso. Il rischio è che l’acqua possa accidentalmente finire nelle orecchie dell’animale e che lo shampoo causi pizzicore agli occhi. Bagna quindi il cane a partire dal collo, proseguendo su addome, zampe, dorso e coda. Ovviamente lo shampoo deve essere per cani. Il pH della cute canina è circa 7, quindi più basico rispetto a quello della nostra pelle. Ne risulta che gli shampoo ad uso umano sono troppo aggressivi per la pelle dell’animale e il loro uso improprio potrebbe causare arrossamenti, irritazioni e dermatiti. Per pulire il muso, è opportuno farlo separatamente con un asciugamano inumidito.

Importantissima la fase del risciacquo

Al termine del lavaggio, è importante eliminare tutti i residui di shampoo. Risciacqua quindi il mantello del cane con cura, fino a quando l’acqua risulterà trasparente.

Non saltare la fase dell’asciugatura

Se il cane rimane umido, può facilmente contrarre un raffreddore. Sempre meglio asciugarlo per bene, dapprima avvolgendolo e tamponandolo con un telo morbido, e poi ultimando l’operazione con il phon. Tieni sempre presente che la cute canina è più sensibile della nostra e verifica che l’aria non sia troppo calda per evitare scottature. Se il cane ha il pelo molto lungo o irsuto, spazzolalo prima di passare all’asciugatura: sarà più semplice da gestire e scongiurerai la formazione di nodi o grovigli.

Leggi anche: 6 cose utili da insegnare al cane in maniera corretta


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

2 min

A volte accade di trovare un uccellino ferito a terra e di non sapere cosa fare e come comportarsi. Seguendo i consigli dell’Ente Nazionale Protezioni Animali si può fare la cosa giusta. Cosa fare se troviamo un uccellino ferito Nel caso di rondini, rondoni e balestrucci, se troviamo un cucciolo a terra lo possiamo prendere. […]

2 min

I corgi reali presenti ai funerali della Regina Elisabetta. Durante la giornata dedicata all’addio a Elisabetta II, celebrata tra Londra e Windsor, erano presenti davvero tutti. A commemorare la sovrana defunta tutti i leader mondiali e capi di stato, oltre i suoi cari. Funerali della Regina Elisabetta: presenti i corgi reali Sandy e Muick (quest’ultimo […]

3 min

Tutti sono al corrente del grande della Regina Elisabetta II per i suoi cani corgi di cui si è presa cura in prima persona nonostante il principe Filippo “non sopportasse i loro guaiti” e avessero la (brutta) abitudine di mordere le caviglie agli ospiti poco graditi. A tal proposito alcuni ricorderanno che nel 1991 la […]

2 min

Avere un cucciolo in casa può essere un’esperienza dolcissima e soprattutto può regalarci tante emozioni. Ma sono necessari i giusti accorgimenti, perché crescere un cucciolo è comunque una responsabilità per gestirlo al meglio e garantirgli così benessere. Avere un cucciolo in casa: i documenti necessari Com’è stato sottolineato prima, avere un cucciolo in casa equivale […]