Non perdere le ultime novità di Donnaclick! Iscriviti alla newsletter

5 serie tv per ragazze che una mamma dovrebbe guardare insieme a sua figlia

Mamma - 5 giugno 2017

Madre e figli: ecco 5 serie tv che ogni mamma dovrebbe guardare in compagnia della figlia teen ager! Anche i telefilm possono aiutare genitori e figli a trovare un punto di incontro e la visione di una serie tv insieme offre spunti alla mamma per capire meglio una figlia adolescente e per passare un po' di tempo libero insieme: ecco le 5 serie tv perfette per entrambe!


  • Il rapporto madre-figlia si costruisce anche sulle piccole cose, come una giornata per negozi insieme, un pomeriggio al cinema o il tempo libero speso insieme in casa. Guardare la tv è un espediente da sfruttare, specie ora con tante serie da guardare comodamente sul divano o, perché no, stese nel lettone della mamma! Alcune serie tv hanno il pregio di far avvicinare figlia e madre, perché entrambe possono riconoscersi in alcuni personaggi e possono, insieme, cercare di capire le difficoltà dell’altra e migliorare il rapporto, sempre complicato quando una figlia entra nell’età critica dell’adolescenza. Ecco, dunque, le 5 serie tv che una mamma dovrebbe guardare con la figlia.
  •  

    una mamma per amica

    1) Una mamma per amica: non potevamo che partire dalla coppia mamma-figlia più nota della tv! Lorelei, mamma single che ha dato alla luce Rory quando aveva appena 16 anni, attraversa non solo le fasi della propria crescita, ma anche quelle della dotata figlia. Libri, musica, un’atmosfera di divertimento e unione nonostante le inevitabili difficoltà: questa serie tv invita mamme e figlie al dialogo, anche attraverso i reciproci interessi. L’ultima stagione è andata in onda su Netflix lo scorso autunno: un buon modo per completare la visione di un telefilm cult!

  • le cose che amo di te

    2) Le cose che amo di te: non è un rapporto madre-figlia, ma tra sorella maggiore e sorella minore. La prima è interpretata da una vecchia conoscenza dei telefilm anni ’90, quella bionda Kelly Taylor che in Beverly Hills 90210 soffiò Dylan a Brenda, ed è una donna in carriera che si ritrova a vivere con la sorella minore quando il padre si trasferisce all’estero e Holly decide di restare negli Stati Uniti. Una serie divertente, che mette a nudo le difficoltà generazionali anche tra sorelle e non solo tra mamma e figlia.

  • 13

    3) Tredici – 13 Reasons Why: è la serie tv del momento, prodotta dalla giovanissima cantante e attrice Selena Gomez. Tratta di un tema sempre più pressante, ovvero il cyberbullismo e il bullismo in genere, una piaga che ha spinto il parlamento italiano a formulare una legge ad hoc per combatterlo. La storia è raccontata da un giovane protagonista che narra la triste vicenda di un’amica teenager, suicida per le violenze subite dai bulli. Informare i propri figli, educarli anche attraverso la lettura condivisa su libri incentrati sul bullismo, potrà evitare che i ragazzi si trasformino in vittime e in carnefici dei loro coetanei.

  • modern family

     

    4) Modern Family: è la storia di una famiglia allargata che decide di prestarsi alla ripresa di un documentario che racconti la loro vita quotidiana. Divertente e piena di spunti di riflessione, la serie tratta non solo di figli e genitori, ma anche di nuovi partner, figli e fratelli “acquisiti” e integrazione di culture diverse, visto che una delle protagoniste è la splendida attrice colombiana Sofia Vergara.

  • grey's anatomy

    5) Grey’s Anatomy: un’altra serie cult in cui le donne sono protagoniste, a partire da Meredith, che nel corso delle stagioni passa da giovane dottoressa tirocinante a donna adulta, con tutte le complicazioni amorose e lavorative possibili. E’ una serie che può aiutare la mamma a spiegare ad una figlia che può raggiungere ogni traguardo lavorativo, sperando di non struggersi troppo per storie sbagliate come capita a molti protagonisti della serie! Inoltre, uno dei protagonisti delle prime 13 serie è Patrick Dempsey, uno degli attori che ha sdoganato il concetto di sex symbol applicato ai telefilm, e non solo ai divi del cinema: anche l’occhio vuole la sua parte!

Articolo scritto da: Elisa

MOSTRA COMMENTI

COMMENTA