Proteste continue in Polonia: l’aborto è illegale

di Alice Marchese

Migliaia di persone in piazza, tensione e terrore in Polonia: adesso l’aborto è illegale. È entrata in vigore la contestata norma sull’aborto che lo vieta anche in caso di malformazione del feto. Stabilita da una sentenza della Corte Costituzionale lo scorso ottobre.

Viene sancito l’incostituzionalità e dunque il divieto quasi totale di interrompere volontariamente la gravidanza.
Infatti, secondo quanto chiarisce il tribunale, la suddetta pratica resterà ammissibile solo qualora ci fosse un’alta probabilità di danni irreversibili o letali al feto, se la vita della madre fosse in pericolo e nei casi di incesto e di stupro.

L’annuncio del governo ha infuriato il gruppo Women’s Strike che, insieme studenti, movimenti femministi, organizzazioni per i diritti LGBT+ e gran parte della società civile, già nelle scorse settimana aveva animato manifestazioni e proteste contro un governo sempre più autoritario che emana provvedimenti profondamente restrittivi che ledono la protezione dei diritti umani.

A Varsavia i manifestanti hanno acceso razzi, sventolato bandiere arcobaleno, emblema dei movimenti gay, oltre a cartelli con scritte secondo cui la sentenza in vigore “Significa guerra”.

Nonostante il Covid19, la gente profondamente indignata è scesa in piazza.
Per i sostenitori dei diritti civili l’entrata in vigore della nuova legge è un ulteriore passo verso la limitazione delle libertà delle donne, anche perché implica che sempre più persone ricorreranno a metodi illegali per abortire o viaggeranno all’estero per farlo.

Si era pronunciata a riguardo anche la celebre attrice Kasia Smutniak durante Propaganda Live, schierandosi
apertamente con le donne per il diritto all’aborto.

E ricordiamo inoltre la copertina incisiva di Vogue Polonia con Anja Rubik per la protezione del medesimo diritto.

Sembrerebbe, inoltre, che molti ospedali abbiano già iniziato a vietare ai propri medici di eseguire aborti per malformazioni del feto temendo che potessero esserci conseguenze legali per i loro medici.

Il governo polacco, del resto, è guidato dal partito di destra Diritto e Giustizia (PiS), molto vicino alle gerarchie cattoliche che hanno un ruolo molto attivo nella politica del paese e lo sostengono.

Il sindaco di Varsavia, Rafal Trzaskowski, ha detto che la decisione di pubblicare la norma in Gazzetta è “contro la volontà dei polacchi” ed è stato “un atto consapevole e calcolato a danno dello stato”.

Marta Lempart, una delle persone che ha organizzato le proteste di mercoledì, ha aggiunto che “stiamo parlando di incompetenza, corruzione e dell’assoluto declino dello Stato, pertanto questi uomini stanno facendo ciò che sanno fare meglio: portare via i diritti e le libertà dei cittadini”. Riportato così da IoDonna.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

5 min

Federico Lauri  ha confidato  ai suoi follower di aver risolto un disagio che lo affliggeva da anni. “Mi coprivo sempre con pantaloni a vita alta e fascia contenitiva”, racconta. “Questa condizione mi creava disagio nell’espormi fisicamente. Federico Fashion Style in ospedale per un intervento chirurgico Federico Lauri conosciuto in arte come Federico Fashion Style, ha […]