Nobel a Yoshinori Ohsumi: che cos’è l’autofagia cellulare

di Danila


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Il Nobel per la Medicina 2016 se lo è aggiudicato il giapponese Yoshinori Ohsumi per aver scoperto il meccanismo dell’autofagia, in parole più semplici il modo e le dinamiche con cui le cellule riciclano le sostanze di scarto, una delle funzioni alla base di ogni cellula vivente.

Le scoperte di questo biologo hanno condotto a un nuovo paradigma che consente di saperne ancora di più su come le cellule gestiscono le sostanze di scarto. L’autofagia, appunto, è la procedura fisiologica che consente alle cellule di eliminare tali sostanze trasferendole a un “reparto” speciale in cui avviene il processo di degradazione, chiamato appunto lisosoma. In realtà questa ipotesi è un po’ più vecchia, altri studiosi avevano ipotizzato una cosa molto similare negli anni ’60 ma esperimenti effettivi che consentissero di comprende e dimostrare tali meccanismi sono stati condotti intorni agli anni ’90 proprio da Yoshinori Oshumi.

Secondo questo paradigma l’autofagia permette di eliminare le proteine e le strutture cellulari vecchie e in un certo senso di riciclarne i componenti. Il corretto funzionamento di questo meccanismo naturale è fondamentale per la nostra salute, viceversa alterazioni o malfunzionamenti possono essere causa di diverse patologie neurodegenerative e diabete. Inoltre bisogna anche tenere conto che le cellule tumorali riescono ad utilizzare questo stesso meccanismo per resistere alle più conosciute terapie antitumorali, quindi questa scoperta potrebbe anche portare a nuove terapie e farmaci in grado di poter regolare l’autofagia al fine di rendere in questi pazienti le terapie efficaci.

LEGGI ANCHE:

 

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria