Job hopping, ecco perché cambiare spesso lavoro aiuta a fare carriera

di cinziaR


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Udite udite, voi che vi considerate lavoratori precari senza speranze: cambiare spesso lavoro fa fare carriera e oggi si chiama job hopping, un termine coniato dai ricercatori americani per definire la tendenza (ormai volontaria) dei giovani lavoratori a “saltellare” da un impiego all’altro.

In realtà la faccenda arriva solo oggi alle orecchie di tutti, con studi alla mano condotto dalle Università e confermate dai dati di Forbes ma, già da tempo, gli esperti di psicologia del lavoro e del life coaching lo avevano preannunciato: passare da un lavoro all’altro rende più preparati di qualsiasi laurea. O meglio, integra e potenzia le competenze acquisite durante gli studi.Anche se cambiare spesso lavoro è decisamente faticoso, infatti, aiuta a fare carriera perchè permette di acquisire competenze e capacità trasversali incredibili.

Ergo, se vi sentivate prima di oggi degli sfortunati precari, beh, sappiate che le aziende cercano voi, soprattutto se siete dei trentenni e avete voglia di fare esperienze. Ma anche se siete più avanti con gli anni e le aziende non stravedono per i vostri cv, sappiate che se negli ultimi anni avete trascorso due mesi in un’azienda e tre in un’altra, svolgendo mansioni totalmente diverse, la cosa verte a vostro vantaggio. Perchè? Semplicemente perchè quello che avete acquisito, sia come conoscenze specifiche ad un impiego, sia e soprattutto come competenze trasversali, relazionali o di gestione dello stress, vi permetteranno di rilanciarvi verso nuovi e più entusiasmanti lavori.

E poco importa se avete studiato Economia e Commercio ma ora siete i commessi in un negozio di scarpe: la prossima azienda potrebbe apprezzare il vostro spirito di adattamento e la vostra capacità di stare “ai piedi del cliente”. Questione di opinione, direte voi! No: sempre le statistiche condotte dalle Università americane, infatti, dimostrano che dalla crisi finanziaria del 2008 ad oggi la “costrizione” a cambiare lavoro di molti giovani lavoratori è diventata “scelta” di fare il cosiddetto job hopping.

I giovani, cioè, cambiano lavoro anche per scelta e non solo per necessità del mercato: hanno imparato cioè che cambiare può portare spesso benefici sconosciuti. Un esempio? Cambiare capo!

Scherzi a parte: sebbene il precariato che stiamo vivendo da circa 15 anni non ci aiuti certamente ad essere dei lavoratori sereni e garantiti come i nostri padri, il job hopping ha i suoi lati positivi e, anche se non è facile intravederne immediatamente i benefici, a quanto pare saranno proprio le aziende che, durante un colloquio o una ricerca di personale nuovo, potranno trovare in noi “saltellatori lavorativi” quella conoscenza in più che nessuna scuola o Università può dare a nessuno quanto la vita stessa con le sue difficoltà.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

I Campionati Mondiali di calcio femminile si avvicinano: il prossimo 20 luglio verrà fischiato il calcio d’inizio della partita inaugurale tra Australia (una delle nazioni ospitanti insieme alla Nuova Zelanda) e l’Irlanda. Trentadue squadre provenienti da tutto il mondo si sfideranno per contendersi il prestigioso titolo, che sarà assegnato il 20 agosto 2023. Una Coppa […]