26 Aprile 2021 |

Oscar 2021, trionfo per Chloe Zhao: premio miglior regista e miglior film

di Alice Marchese

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità
  • Chloe Zhao ha scritto la storia
  • E’ la prima donna asiatica e la seconda donna in assoluto a vincere il premio come miglior regista e come miglior film
  • La scelta di Ludovico Einaudi 
  • I ringraziamenti della regista 

Chloe Zhao ha scritto la storia diventando la prima donna asiatica e la seconda donna in assoluto a vincere il premio come miglior regista e come miglior filmDopo ‘Nomadland’, Chloe Zhao porterà in sala ‘Gli Eterni’, l’atteso Marvel movie. ‘Nomadland’ è il suo terzo film.

Ludovico Einaudi colonna sonora scelta dalla regista

“So di non fare bella figura a confessarlo, ma ho cercato su Google ‘musica classica ispirata alla natura’, e su YouTube”. Ha rivelato Chloé Zhao alla Rivista del Cinematografo. “Mi è comparso il video di ‘Elegy for the Arctic’ di Ludovico Einaudi, in cui il maestro suona il pianoforte su una piattaforma galleggiante fra i ghiacci del Polo Nord. Ho pensato che la sua musica funzionasse per il nostro film, e così è stato”.

I ringraziamenti di Chloè Zhao

“Ringraziamo tutte le mani e tutti i cuori che si sono messi insieme per fare questo film”. Sono le prime parole con le quali la regista Chloè Zhao ha accolto la notizia dell’Oscar per il suo film ‘Nomadland’, sul palco di Hollywood.

“Vogliamo esprimere tutta la nostra profonda gratitudine all’intera comunità nomade, a tutte le persone che abbiamo incontrato lungo la strada: grazie per averci insegnato il potere della resilienza e della speranza e per averci ricordato qual è la vera gentilezza”, ha poi concluso la regista cinese.

Trionfo agli Oscar 2021

Con il suo trionfo agli Oscar la 39enne Zhao è stata riconosciuta come una delle cineaste più di talento degli ultimi anni. Nata a Pechino, suo padre era un dirigente di successo dell’acciaio e la sua matrigna è la famosa attrice comica cinese Song Dandan.

“Ultimamente ho pensato molto a come andare avanti quando le cose si fanno difficili . Penso che risalga a qualcosa che ho imparato da bambina. Quando crescevo in Cina, mio padre e io giocavamo a memorizzare poesie e testi classici cinesi, li recitavamo insieme e cercavamo di finire le frasi l’uno dell’altro. Ce n’è uno la cui prima frase è: ‘Le persone alla nascita sono intrinsecamente buone’.

Parole che hanno avuto un così grande impatto su di me quando ero bambina, che ancora oggi ci credo veramente. Anche se a volte può sembrare vero il contrario – ha aggiunto la regista – ho sempre trovato la bontà nelle persone che ho incontrato, ovunque andassi nel mondo”.

Zhao e il suo paese d’origine

Zhao ha avuto un rapporto difficile con il suo paese d’origine, soprattutto da quando è riemersa un’intervista del 2013 in cui ha detto che c’erano “bugie ovunque”. Un’affermazione che ha scatenato la reazione delle autorità cinesi sull’uscita di ‘Nomadland’ nel Paese.

La stampa ufficiale cinese ha censurato la notizia dell’assegnazione dell’Oscar per la Miglior regia a Chloe Zhao.

I principali media cinesi, come l’agenzia di stampa ‘Xinhua’ o l’emittente ‘Cctv’, non riportano la vittoria di Zhao. Anche i post sull’argomento pubblicati sui social media sono stati parzialmente cancellati. Un portavoce del ministero degli Esteri di Pechino ha evitato di commentare, sostenendo che “non è una questione diplomatica”.

A inizio marzo il giornale cinese ‘Global Times’ ancora elogiava Zhao definendola “l’orgoglio della Cina” per la sua vittoria ai Golden Globes. Successivamente, tuttavia, era stata diffusa su internet una vecchia intervista in cui la regista criticava il suo Paese d’origine definendolo “un luogo di bugie”. Negli ultimi giorni ogni riferimento a ‘Nomadland’ in Cina era stato cancellato.