Tumore dell’appendice, i sintomi di questo cancro raro

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Il tumore dell’appendice è una tipologia di cancro abbastanza rara e cresce dalle cellule che compongono l’appendice.  Ci sono due tipi principali di cancro dell’appendice: il cancro epiteliale dell’appendice e il cancro neuroendocrino dell’appendice.

Tumore dell’appendice: tutto quello che c’è da sapere

L’appendice è una piccola sacca di tessuto nell’addome. Fa parte dell’intestino e del colon, che assorbono i nutrienti e rimuovono i rifiuti dal corpo. Com’è stato sottolineato precedentemente, ci sono due tipi di cancro dell’appendice. Il cancro epiteliale dell’appendice e il cancro neuroendocrino dell’appendice.

Il cancro epiteliale dell’appendice cresce dalle cellule che compongono il rivestimento dell’appendice. Può anche essere chiamato adenocarcinoma. Queste cellule aiutano a produrre una sostanza gelatinosa chiamata mucina. La mucina protegge il rivestimento dello stomaco, dell’intestino e dell’appendice. La maggior parte dei tumori epiteliali dell’appendice può portare a un accumulo di mucina, che può causare la rottura dell’appendice. Quando la mucina dell’appendice si accumula nell’addome, causa una condizione chiamata pseudomixoma peritonei, o PMP.

Leggi ancheCanone Rai, chi ha diritto all’esenzione?

Tumore dell’appendice, i sintomi

I sintomi del tumore all’appendice sono

  • Dolore;
  • Sensazione di gonfiore o aumento delle dimensioni addominali;
  • Presenza di una massa nell’addome;
  • Nausea e vomito;
  • Sensazione di pienezza subito dopo aver iniziato a mangiare

Quando si è senza sintomi, questi tumori possono anche essere scoperti se la persona esegue un test di imaging per un altro motivo. Altri esami da eseguire sono: biopsia, laparoscopia diagnostica, esami di laboratorio. Fondamentale è la diagnosi e riconoscere dunque dove cresce questa tipologia di cancro. Le opzioni migliori sono: chemioterapia e chirurgia.

Ciò che potrebbe sembrare appendicite, in realtà potrebbe rivelarsi un cancro dell’appendice in alcuni casi, soprattutto nei pazienti sotto i 50 anni.

Appendicite o cancro all’appendice: come riconoscerlo

Ovviamente servono i dovuti accertamenti per valutare la natura del dolore. La chirurgia fornisce l’unica diagnosi definitiva del cancro in questione. I ricercatori per il loro studio, hanno analizzato i dati su quasi 388.000 pazienti negli Stati Uniti con diagnosi di cancro al colon – questo tipo di tumore è uno dei più letali – destro dal 2004 al 2017, compresi 19.570 con cancro dell’appendice. I pazienti con cancro dell’appendice tendevano ad essere più giovani di 50 anni e ad avere meno altri problemi di salute, ma avevano anche più probabilità di avere un tumore più avanzato rispetto ai pazienti con altri tumori del colon destro.

Lo studio ha anche scoperto che il 28,7% dei pazienti con il suddetto cancro aveva tumori carcinoidi, un tipo di tumore neuroendocrino a crescita lenta, e che l’aumento del rischio di cancro nelle persone più giovani di 50 anni sembra essere guidato da questi tumori.

Leggi anche: Allergico all’orgasmo, non può fare l’amore

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]

A Firenze si sono registrati 11 casi di persone risultate positive al vaiolo delle scimmie, dopo una serata trascorsa in discoteca. Secondo le dichiarazioni di Renzo Berti, direttore del dipartimento di prevenzione dell‘Asl Toscana centro, riportate dall’ANSA, si tratta di uomini giovani, eccezion fatta per una persona di mezza età. L’infezione sarebbe stata causata con […]

La recente lettera della Società psicoanalitica italiana inviata al Ministro della Salute Orazio Schillaci, in cui si esprimeva una certa preoccupazione riguardo all’uso di farmaci per la disforia di genere in adolescenza, ha scatenato un acceso dibattito sui giornali. L’argomento in realtà non è nuovo, già nel 2018 se ne era parlato con riferimento al […]