Sicurezza alimentare: le regole per scegliere insalate e macedonie pronte

di Claudia Scorza


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Le regole per insalate e macedonia confezionate sono oggi molto rigide e sono volte alla salvaguardia della salute dei consumatori. Sono infatti molte le persone che consumano questi sani spuntini a pranzo o a merenda, soprattutto durante la pausa pranzo o davanti al computer in ufficio.

Pratici, sfiziosi, facili da mangiare anche quando si ha poco tempo, questi alimenti già pronti spesso ci salvano la vita, o quantomeno la giornata. Ma quali sono le regole per scegliere insalate e macedonie pronte per essere sicuri?

In realtà alcune linee guide dovrebbero essere seguite a monte, e cioè dai produttori e dai supermercati che hanno l’obbligo di conservare macedonie pronte, insalate lavate e asciugate e verdure pronte da cuocere in frigorifero ad un massimo di 8°C, riportando informazioni chiare sulle etichette relative a ingredienti, modalità di conservazione, data di scadenza e istruzioni per l’uso.

Il consumatore quindi, da parte sua, si dovrà impegnare a verificare, per quanto possibile, che queste regole vengano rispettate, attraverso la lettura dell’etichetta del prodotto in modo accurato. Tra gli aspetti da considerare c’è anche il limite massimo del 40% di ingredienti di origine vegetale non freschi o secchi ammessi sul totale del prodotto confezionato, con un conseguente restante 60% di ingredienti freschi.

Inoltre, sulla confezione deve essere riportata in modo chiaro e leggibile la scritta “lavato e asciugato”, o “pronto al consumo”, o ancora “lavato e pronto per il consumo” così da chiarire subito la natura del prodotto e guidare il consumatore nella scelta. Non deve anche mancare la dicitura “conservare in frigorifero a temperatura inferiore agli 8°C”, temperatura che di solito si riscontra nei frigoriferi casalinghi.

Per quanto riguarda le indicazioni circa il limite massimo di consumo, deve essere specificata una dicitura che dia informazioni precise su come agire. Ad esempio “da consumare entro due giorni dall’apertura della confezione e comunque non oltre la data di scadenza”. Occhi sempre aperti quando si tratta di sicurezza alimentare!

Leggi anche:
Coloranti alimentari, quali sono quelli che possono essere pericolosi

 

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Nel Nord America sta destando molta preoccupazione tra gli scienziati e ambientalisti una nuova patologia dal nome insolito: la malattia del “cervo zombie”, nota anche come patologia da deperimento cronico (CWD). La malattia ha colpito già 800 cervi e alci nello stato del Wyoming, un numero spropositato se si considera che il primo caso era […]

Soprattutto con l’avanzare dell’età, l’osteoporosi è una malattia che può presentarsi frequentemente: assottiglia la struttura interna delle ossa tanto che basta anche una piccola caduta o urto contro per causare una frattura. Questo può accadere in qualsiasi punto dello scheletro, ma sono soprattutto le fratture del polso, dell’anca e della colonna vertebrale a presentarsi con […]

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]