Nuovo studio che farà felice chi ama il caffè

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Questa notizia renderà felici gli amanti del caffè. Sembrerebbe secondo uno studio, le persone nel Regno Unito che hanno bevuto più di una tazza di questo al giorno avevano un rischio di mortalità inferiore rispetto ai non bevitori di caffè.  I risultati però non suggeriscono che sia più salutare aggiungere zucchero al caffè piuttosto che berlo semplice.

Il caffè giova alla salute: lo studio

Viene riportato dagli Annals of Internal Medicine lo studio che ha esaminato circa 120.000 persone nel Regno Unito. I risultati hanno suggerito che coloro che hanno bevuto da 1 a 3 tazze al giorno hanno avuto un rischio di morte inferiore. Il tutto durante quei sette anni rispetto a chi consuma il prodotto, anche se hanno aggiunto un cucchiaino di zucchero vero – non dolcificante artificiale – a ogni tazza.

Nel complesso, le persone che hanno bevuto caffè non zuccherato avevano dal 16% al 21% in meno di probabilità di morire durante il periodo di studio rispetto alle persone che non hanno bevuto caffè, secondo i risultati.

Ma i ricercatori non hanno esaminato la causalità. Dunque non hanno potuto dire se il caffè sia direttamente responsabile del risultato.

“Biologicamente, è plausibile che questa bevanda possa effettivamente conferire alcuni benefici diretti per la salute”, ha affermato la dott.ssa Christina Wee. Si tratta di una professoressa associata di medicina presso la Harvard Medical School. “Non possiamo dire con certezza che sia il consumo di questo di per sé che porta al minor rischio di mortalità”.

È possibile, ad esempio, che le persone che bevono regolarmente caffè siano più ricche e quindi abbiano maggiori probabilità di avere una migliore assistenza sanitaria o più tempo per il tempo libero o il fitness rispetto ai non bevitori di caffè, il che potrebbe ridurre il rischio di mortalità.

Un cucchiaio di zucchero non annulla i benefici

I risultati hanno suggerito che le persone che hanno bevuto caffè zuccherato avevano dal 29% al 31% di probabilità in meno di morire rispetto ai non bevitori di caffè. Una riduzione del rischio leggermente superiore rispetto a quella osservata tra le persone che hanno bevuto caffè non zuccherato, sebbene nella stessa gamma.

Lo studio non ha trovato risultati conclusivi per le persone che lo hanno bevuto con dolcificanti artificiali. Né ha guardato in modo specifico alle persone che hanno aggiunto latte o panna. Abbiamo detto che i risultati non suggeriscono che sia più salutare aggiungere zucchero alla bevanda piuttosto che berlo semplice.

“La mia più grande cautela è di non equiparare questo a: ‘Oh, posso bere qual con un sacco di calorie’. Perché ci sono altri studi che mostrano chiaramente che l’aggiunta di zucchero e alti livelli di calorie vuote non fa bene. Quindi basta fare le cose con moderazione”, ha detto.

“Quello che questo studio sta davvero dicendo è che l’aggiunta di un po’ di zucchero non toglie tutti i potenziali benefici per la salute che la bevanda potrebbe avere”. Lo ha detto Wee.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Il bicarbonato è un ingrediente molto versatile utilizzato non solo per digerire, ma anche come dentifricio, alleato di bellezza per rendere luminosi i capelli, come scrub per il viso e la pelle, per il trattamento dell’acne e come detergente naturale. Nonostante i suoi molteplici usi e gli effetti benefici per la salute, bisogna stare molto […]

Il tumore al colon è senza dubbio uno dei tumori più insidiosi, noto per la sua natura subdola e la sua inclinazione a manifestarsi in tarda età, anche se sta cominciando a destare preoccupazioni anche tra i giovani. In base ai dati forniti dall’AIRC questo tumore rappresenta il 10% dei tumori diagnosticati a livello globale, […]

Torna la primavera e come sempre tornano le prime allergie di stagione. A soffrirne sarebbe circa un quarto della popolazione e i numeri sarebbero in costante aumento, soprattutto nei Paesi occidentali e industrializzati. Le allergie primaverili colpiscono anche gli adulti che prima non ne hanno mai sofferto. Ma quali sono le più comuni allergie di […]