Febbre Dengue, primo caso in Francia: quali sono i sintomi?

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

La febbre Dengue sta prendendo piede in Europa. Questa patologia viene trasmessa dal morso di zanzara Aedes ed è conosciuta come febbre “spaccaossa“. La causa principale è dovuta ai repentini cambiamenti climatici. A preoccupare era stato il contagio, nel settembre 2022, di una donna britannica a Nizza, nel sud della Francia.

Febbre Dengue: tutti i sintomi

Il primo caso è stato individuato in Francia e si tratta di una 44enne. Questa ha avuto febbre, mal di testa dietro gli occhi, dolori muscolari e un’eruzione cutanea eritematosa diffusa e sbiancante (che può verificarsi con una serie di infezioni).
La turista britannica era rientrata nel Regno Unito il giorno prima che i suoi sintomi iniziassero e non aveva viaggiato in altre zone se non in Costa Azzurra. Attraverso le analisi si è poi avuta conferma di un’infezione acuta da virus della Dengue. Non ha avuto bisogno di una cura medica e tra giugno e settembre 2022, l’Agence Regionale de Santé (Ars) in Francia ha segnalato tre distinti focolai di trasmissione indigena del virus della Dengue. Si tratta dunque di infezioni contratte sul territorio nazionale senza che i pazienti si fossero recati all’estero.

Uno dei motivi per cui si sta diffondendo questa patologia è il cambiamento climatico. Il clima sub tropicale è terreno fertile per le zanzare Aedes che trasmettono il virus e non è improbabile che questo accada su scala ondiale. Molti scienziati sono convinti che i focolai di Dengue diventeranno sempre più frequenti nei prossimi anni a causa delle condizioni meteorologiche estreme con frequenti rovesci e clima umido.

Come si trasmette?

La febbre Dengue è una malattia infettiva causata da quattro varianti dello stesso virus. Questo si trasmette attraverso le punture di zanzare che a loro volta hanno punto una persona infetta. La zanzara più efficace nella trasmissione è la Aedes aegypti, tipica delle regioni tropicali (in Italia non esiste) ma anche la zanzara tigre (Aedes albopictus). Questa è stata già segnalata in tutta l’Europa meridionale può contribuire al contagio, seppur in maniera meno efficace. Non si ha notizia di alcun contagio diretto tra esseri umani. Inoltre, la Dengue ha un tasso di mortalità molto basso, circa l’1% dei casi. La percentuale sale al 40% quando la malattia di complica nella forma emorragica. In circa il 75% dei casi la malattia è asintomatica e passa inosservata. In Italia la situazione è la seguente. Ogni anno vengono segnalati decine di casi di Dengue, ma in generale si tratta di infezioni contratte all’estero. Nell’ ultimo report di Epicentro riferito al 2022 si parla di 114 casi confermati.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

L’Australia è stata di recente colpita dall’influenza aviaria H5N1. Ad essere contagiata è stata una bambina di 2 anni e mezzo, risultata positiva e curata in terapia intensiva in un ospedale australiano dopo un viaggio in India. A dare l’annuncio è stata l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che ha così dichiarato: “Si tratta della prima […]

Il glifosato, un erbicida ad ampio spettro, è diventato uno degli strumenti più utilizzati nell’agricoltura moderna. Sin dalla sua introduzione sul mercato negli anni ’70 dalla Monsanto, sotto il nome commerciale di Roundup, il glifosato è stato adottato in tutto il mondo per il controllo delle erbacce. Tuttavia, il suo uso diffuso ha sollevato preoccupazioni […]

Una recente ricerca condotta dalla Cleveland Clinic e pubblicata sull’European Heart Journal ha suscitato preoccupazioni riguardo al consumo elevato di xilitolo, un noto dolcificante utilizzato in vari prodotti alimentari a basso contenuto calorico. Secondo lo studio, un’assunzione eccessiva di xilitolo potrebbe aumentare il rischio di ictus e infarti a causa della potenziale coagulazione del sangue. […]