Endometriosi, dalla Sicilia una ricerca dice come gestire i sintomi con un farmaco

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Una ricerca condotta dal centro di riferimento regionale per l’endometriosi dell’Arnas Civico di Palermo e pubblicata sulla rinomata rivista “Archives” di ostetricia e ginecologia potrebbe cambiare le prospettive di cura per molte donne affette da endometriosi.

La ricerca siciliana potrebbe cambiare le cure per l’endometriosi

Lo studio, durato dieci anni e ideato dal dottor Antonio Maiorana, responsabile del centro palermitano, dimostra che il farmaco “dienogest” è efficace e sicuro nel controllo del dolore pelvico cronico causato dalla patologia, se assunto per lunghi periodi.

Lo studio dimostra l’efficacia del “dienogest” per controllare il dolore nel lungo periodo

L’endometriosi è una malattia che colpisce il 10-15% delle donne in età riproduttiva, causando forti dolori e problematiche di infertilità. Il suo decorso è cronico e necessita di trattamenti protratti nel tempo. Fino ad oggi, però, nessuno studio aveva analizzato gli effetti di un utilizzo così prolungato dei farmaci disponibili. La ricerca siciliana, unica nel suo genere, ha dimostrato che il “dienogest”, già noto per i benefici sul breve periodo, può essere assunto in continuo per anni senza causare effetti collaterali rilevanti. Il farmaco si è dimostrato efficace nel tenere sotto controllo il dolore pelvico tipico dell’endometriosi in tutte le pazienti monitorate.

“Risultati incoraggianti per migliorare la qualità di vita delle donne” dichiara il medico

“I risultati sono molto incoraggianti – spiega il dottor Maiorana – poiché la possibilità di gestire i sintomi nel lungo termine consente di migliorare notevolmente la qualità di vita delle donne, diminuendo il ricorso a procedure chirurgiche ripetute e permettendo una pianificazione più serena dell’eventuale gravidanza”. La ricerca, frutto della collaborazione tra diversi medici e specialisti del Civico di Palermo, potrebbe dunque segnare una svolta per le tantissime donne che convivono con questa invalidante patologia.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Nel Nord America sta destando molta preoccupazione tra gli scienziati e ambientalisti una nuova patologia dal nome insolito: la malattia del “cervo zombie”, nota anche come patologia da deperimento cronico (CWD). La malattia ha colpito già 800 cervi e alci nello stato del Wyoming, un numero spropositato se si considera che il primo caso era […]

Soprattutto con l’avanzare dell’età, l’osteoporosi è una malattia che può presentarsi frequentemente: assottiglia la struttura interna delle ossa tanto che basta anche una piccola caduta o urto contro per causare una frattura. Questo può accadere in qualsiasi punto dello scheletro, ma sono soprattutto le fratture del polso, dell’anca e della colonna vertebrale a presentarsi con […]

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]