Cura dei denti: vademecum per denti sani e perfetti

di francesca


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

La moda vuole infatti che i denti siano dritti e bianchissimi, dimenticandosi a volte che la cosa più importante è che i denti siano sani. Non cadete anche voi in questo errore! Leggete con attenzione i nostri utili consigli per avere denti sani ed un sorriso perfetto.

  • L’igiene orale è importantissima: ricordatevi di lavarvi sempre i denti dopo i pasti principali, meglio se con un dentifricio ricco di fluoro per proteggere lo smalto dei denti.
  • Utilizzate il collutorio ogni giorno, è un gesto semplice ma molto importante per prendersi cura dei denti. Il collutorio infatti aiuta a rimuovere la placca e a limitare la formazione della carie.
  • Usate il filo interdentale, anche se può sembrare scomodo è un utilissimo strumento per la diagnosi casalinga della carie. Se riuscite a smascherare una carie ad uno stadio iniziale potrete risolvere il danno con una piccola otturazione, evitando trattamenti troppo invasivi (e costosi!) dal dentista.
  • Anche l’alimentazione è fondamentale per la prevenzione della carie: evitate di assumere in modo eccessivo bevande e cibi ricchi di zucchero.
  • Oltre alla cura dei denti, per una pulizia completa della bocca, ricordatevi di spazzolare anche la lingua per eliminare i batteri che vi si annidano. La pulizia della lingua è un valido aiuto anche contro l’alitosi.
  • Per combattere il problema dell’alitosi state attenti anche ai cibi che mangiate e ricordatevi di masticare a lungo e lentamente. Una cattiva digestione è una delle prime cause dell’alito cattivo.
  • Effettuate visite regolari dal dentista, almeno una all’anno! Controlli frequenti servono per avere diagnosi precoci sia delle carie che di altri problemi dentali e della bocca. Ricordatevi di portare dal dentista anche i vostri bambini in modo regolare a partire dai tre anni.
  • La cura dei denti non può prescindere dalla cura delle gengive, attenzione ai processi infiammatori che possono essere dolorosi, far sanguinare le gengive e col tempo portare, se trascurati, anche alla caduta dei denti. È il caso della piorrea, grave malattia infiammatoria di origine batterica che colpisce le gengive. Diagnosticatela per tempo con controlli regolari.

Dal vostro dentista effettuate almeno una volta l’anno anche la pulizia professionale dei denti, che serve a rimuovere il tartaro in modo efficace. Oltre alla salute dei vostri denti né guadagnerà anche il bianco del vostro sorriso!

Foto da
www.pourfemme.it
www.magazine.ayurvediccure.com

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Perdere peso sì ma a quale prezzo? Un team di ricerca statunitense ha scoperto un’inquietante associazione tra l’uso della semaglutide, un noto farmaco per perdere peso, e un rischio superiore di neuropatia ottica ischemica anteriore non arteritica (NAION), una grave malattia oculare che può sfociare nella cecità improvvisa. Anche se i risultati devono ancora essere […]

Il Ministero della Salute ha recentemente pubblicato un bollettino che segnala un lieve aumento dei contagi da Covid-19. Questo incremento sembra essere correlato alla sottovariante KP.3, che deriva dalla mutazione “madre” JN.1, attualmente predominante. Nonostante la dichiarazione rilasciata dall’OMS a maggio 2023 che ha segnato la fine della fase emergenziale della pandemia, il virus non […]

Foto di Tirachard Kumtanom: Il trekking è un’attività perfetta per chi ama camminare e non vuole rinunciare a vivere, durante la bella stagione, qualche avventura in mezzo alla natura. Appagante e divertente, può essere effettuata praticamente da chiunque, anche dai più piccoli e da chi non è particolarmente esperto, a patto, naturalmente, di scegliere il […]

Oggi, 28 giugno, la Commissione Europea ha dato il via libera al primo vaccino contro il virus chikungunya, una malattia trasmessa dalle zanzare infette. Il vaccino, chiamato Ixchiq e sviluppato da Valneva, è stato approvato per l’uso in adulti dai 18 anni in su. Nonostante la chikungunya non sia endemica nell’Unione Europea, l’esecutivo comunitario ha […]