6 cose che non bisogna fare quando c’è molto caldo

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Quando c’è molto caldo, è il caso si seguire alcuni consigli per evitare di star male. Con l’aumento delle temperature, è meglio evitare l’esposizione al sole e proteggersi il più possibile dai raggi UV. Idratazione e freschezza sono parole chiave per superare le altissime temperature.

1. Molto caldo: l’alcol non è una buona idea

La birra molto fredda sembra essere un’ottima alleata contro le alte temperatura perché contiene molta acqua ed è la conclusione perfetta per una lunga giornata estiva. In realtà non aiuta totalmente per svariate ragioni. In primo luogo perché contiene alcol, che è una sostanza che può offuscare i tuoi sensi e aumenta la tua temperatura corporea. Inoltre l’alcol ha la particolarità di far urinare molto più regolarmente del normale, cosa che alla fine porta alla disidratazione.

2. Il tè non è la soluzione giusta

Quando fa molto caldo, bere una bevanda calda accelera il processo di sudorazione, che abbassa la temperatura corporea. Questo è il motivo per cui il tè è apprezzato dai popoli del deserto.
Ma ha un altro difetto, il tè è diuretico. Tieni presente che queste bevande ti fanno venire voglia di urinare frequentemente e il corpo perderà acqua.

L’acqua è la tua migliore alleata

L’obiettivo è restare idratati. Si ritiene che una persona adulta dovrebbe bere circa 1,5-2 litri di acqua al giorno. Bevete acqua il più possibile fa bene al vostro organismo e anche alla vostra pelle!

4. Evitare il salato non risolve

Quando le temperature sono altissime, sembra quindi piuttosto naturale bandire il sale dalla propria dieta. Tuttavia, la sete non è una brutta cosa quando fa molto caldo. E il cibo particolarmente salato stimola la sete. Questo con moderazione ovviamente.

5. La doccia ghiacciata o tiepida?

Quando fa davvero caldo, non c’è niente di meglio di una doccia per stare meglio. Alcune persone preferiscono stare sotto il getto d’acqua ghiacciato per rinfrescarsi bene, ma sfortunatamente non funziona come sembra.

Una doccia tiepida, qualche grado più fredda del tuo corpo, è efficace quanto una doccia molto fredda.
Inoltre, il tuo corpo sarà molto meno attaccato, perché se la differenza di temperatura è troppo grande, soffrirai di mal di gola, starnuti o addirittura vertigini.

6. Da prediligere i luoghi climatizzati

A proposito di differenze di temperatura, si sente spesso dire che è meglio evitare i luoghi climatizzati. Dopo essere stato esposto a lungo ad alte temperature, il corpo subisce un forte contraccolpo rimanendo in un luogo troppo fresco. Ma tieni a mente che al di sotto di sei gradi di differenza rispetto alla temperatura esterna l’aria condizionata non rappresenta alcun pericolo per la tua salute.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Nel Nord America sta destando molta preoccupazione tra gli scienziati e ambientalisti una nuova patologia dal nome insolito: la malattia del “cervo zombie”, nota anche come patologia da deperimento cronico (CWD). La malattia ha colpito già 800 cervi e alci nello stato del Wyoming, un numero spropositato se si considera che il primo caso era […]

Soprattutto con l’avanzare dell’età, l’osteoporosi è una malattia che può presentarsi frequentemente: assottiglia la struttura interna delle ossa tanto che basta anche una piccola caduta o urto contro per causare una frattura. Questo può accadere in qualsiasi punto dello scheletro, ma sono soprattutto le fratture del polso, dell’anca e della colonna vertebrale a presentarsi con […]

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]