Condotte sessuali disinibite e trasgressive, divertimento o patologia?

di francesca


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Attualmente sempre più persone (sia uomini sia anche donne) manifestano apertamente un comportamento sessuale eccessivamente disinvolto e disinibito, condizione che i sessuologi americani definiscono “irresponsable sex”.

Le possibili ipotesi (sempre da accertare con visite specialistiche e esami clinici morati) considerano sia una eventuale malattia mentale (schizofrenia o importanti alterazioni del tono dell’umore) sia vari disturbi comportamentali, sia anche  “disturbi della personalità”. Tra i vari disturbi comportamentali i clinici sono soliti classificare le condotte sessuali troppo disinvolte (eterosessualità, omosessualità, spesso anche promiscuità sessuale, senza precauzioni e senza limiti, comunque alla ricerca del rischio come fonte di piacere) all’interno dei cosiddetti “disturbi delle abitudini e degli impulsi” o, secondo l’American Psychiatric Association, “disturbi del controllo degli impulsi”.

Tale categoria diagnostica raggruppa un cluster di comportamenti dove la persona è incapace di resistere ad un impulso verso azioni persistentemente ripetute, anticipate da una sensazione di tensione, seguita da sollievo nel momento dell’atto, come ad esempio la cleptomania, la piromania, lo strapparsi i capelli, il gioco d’azzardo patologico, cui si può assimilare anche il comportamento sessuale troppo disinvolto ed irresponsabile (“Disturbi del controllo degli impulsi non altrimenti specificati”). Solitamente il clinico accorto di fronte a comportamenti di eccesso e devianti dal comune senso morale fa diagnosi differenziale verso neuropatologie dove è compromesso il funzionamento dei lobi frontali e fronto-temporali del cervello, come tra l’altro si riscontra spesso nei traumatizzati cranici encefalici anche lievi, frequentemente plurincidentati.

Tali persone, attualmente, sempre più frequenti che in passato, anche in altri ambiti della loro vita agiscono con comportamenti perseveranti, ottusi, imprevidenti, inaffidabili ed irresponsabili e presentano all’obiettività clinica i postumi cognitivi e comportamentali tipici del trauma cranico encefalico, per lo più conseguenza di incidenti stradali.

Infine vari disturbi, per altro importanti, della personalità portano le persone a ricercare emozioni rischiose (taken risk behavior) e agire trasgressivamente e inadeguatamente, per puro piacere personale, verso persone di sesso opposto, preferenzialmente se di colore o comunque ritenute, in un certo senso, inferiori. Sono queste psicopatologie del carattere, molto meno visibili di un disturbo mentale, che denotano soggetti apparentemente ineccepibili dal punto di vista formale e ad una conoscenza superficiale, ma con difficoltà significative nel gestire adeguatamente una relazione interpersonale paritetica, rispettosa ed empatica, con difficoltà di controllare i propri impulsi e con inadeguatezza effettiva che si manifesta particolarmente in agiti sessuali.

Professor Paolo Zucconi, psicoterapeuta e sessuologo clinico comportamentale, psicologo legale a Udine

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Si chiama Mytho, il gene che sta rivoluzionando la comprensione dell’invecchiamento e della qualità della vita. Grazie a una ricerca internazionale durata nove anni e guidata dall’Università di Padova, questo gene è stato finalmente identificato. Mytho è conservato quasi identico in molte specie, dai vermi all’uomo, e promette di migliorare la salute durante l’invecchiamento. A […]

Allerta a Tokyo per i numeri elevati di sindrome da choc tossico streptococcico, un batterio carnivoro che porta alla morte. Da inizio anno a marzo 77 persone sono morte a causa di un’infezione batterica. Il ministero della Salute ha registrato, al 2 giugno, 977 casi di sindrome da choc tossico streptococcico (Stss), un’infezione batterica pericolosa […]

Un rivoluzionario esame del sangue potrebbe permettere di diagnosticare la malattia di Parkinson fino a sette anni prima della comparsa dei sintomi. Questo test è stato sviluppato da un team internazionale di ricercatori dell’University College London e dell’University Medical Center Goettingen, e utilizza l’intelligenza artificiale per analizzare otto biomarcatori specifici. La scoperta, pubblicata sulla rivista […]

Le cisti ovariche sono sacche piene di liquido che si formano all’interno o sulla superficie delle ovaie. La maggior parte delle donne svilupperà almeno una cisti ovarica nel corso della vita, spesso senza nemmeno rendersene conto. Sebbene molte cisti siano innocue e si risolvano da sole, alcune possono causare sintomi o complicazioni che richiedono un […]