Cibi cancerogeni, ecco quelli da eliminare o limitare

di Carmela Giglio


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Chewing gum e caramelle
Le gomme da masticare e le caramelle possono contenere dolcificanti artificiali nocivi per l’organismo e il loro consumo andrebbe sempre limitato.

La carne rossa
La carne rossa, specie se cotta sulla brace, è un possibile fattore di rischio per la comparsa di tumori. Infatti, durante la cottura della carne sulla brace, vengono rilasciate delle sostanze cancerogene dannose.

Le bevande gassate
Le bevande gassate e zuccherate (come la Coca-Cola) contengono dolcificanti dannosi, ma anche coloranti e additivi alimentari non salutari.

I cibi in scatola

I cibi in scatola non sono sempre un toccasana per l’alimentazione, perciò sarebbe meglio preferire i cibi freschi e di stagione.

Il dado alimentare
Il dado usato per insaporire, può contenere glutammato monosodico, un additivo potenzialmente cancerogeno.

Il sale
Troppo sale fa male alla salute, perciò è sempre meglio limitarne il consumo e dosarlo nel modo giusto. In questo modo si riesce anche prevenire le malattie cardiovascolari, come l’ipertensione.

Gli insaccati
Gli insaccati, specie quelli di produzione industriale o a lunga conservazione, possono essere nocivi. In particolare, potrebbero essere responsabili (se consumati troppo spesso) del tumore al colon. Gli insaccati (come wurstel o mortadella), infatti, possono contenere nitriti e nitrati potenzialmente cancerogeni.

Le carni conservate

Le carni conservate, in scatola o simili, possono essere davvero dannose per la salute.

I grassi idrogenati
I grassi idrogenati si trovano soprattutto nei prodotti da forno industriali, specie quelli dolciari (merendine, biscotti, grissini, ecc…). Questi alimenti andrebbero sempre limitati nell’alimentazione di adulti e bambini.

Aspartame
Contenuto nelle bibite dietetiche, l’aspartame viene utilizzato come dolcificante al posto dello zucchero. Tuttavia, esso può causare molti danni, per cui bisognerebbe limitarne o evitarne consumo.

Il colorante caramello
Il colorante caramello (solfito-ammoniacale in codice E150 d), utilizzato in diversi alimenti (bevande a base di cola, caramelle, aceti balsamici, salsa di soia), è usato come additivo ed è un possibile cancerogeno.

Alcol
Tutti sanno che l’alcol può causare danni molti gravi, specie al fegato, ma può anche provocare il cancro alla bocca, alla laringe o all’ esofago.

Cibi fritti
I cibi fritti, come le patatine, possono essere davvero dannosi, specie se si frigge con l’olio sbagliato. Per le fritture viene spesso consigliato l’olio di arachidi, che ha un punto di fumo più elevato e non rilascia sostanze dannose per la salute.

Leggi anche:
Grassi idrogenati: cosa sono e dove si trovano
Cibi ok e cibi out

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Perdere peso sì ma a quale prezzo? Un team di ricerca statunitense ha scoperto un’inquietante associazione tra l’uso della semaglutide, un noto farmaco per perdere peso, e un rischio superiore di neuropatia ottica ischemica anteriore non arteritica (NAION), una grave malattia oculare che può sfociare nella cecità improvvisa. Anche se i risultati devono ancora essere […]

Il Ministero della Salute ha recentemente pubblicato un bollettino che segnala un lieve aumento dei contagi da Covid-19. Questo incremento sembra essere correlato alla sottovariante KP.3, che deriva dalla mutazione “madre” JN.1, attualmente predominante. Nonostante la dichiarazione rilasciata dall’OMS a maggio 2023 che ha segnato la fine della fase emergenziale della pandemia, il virus non […]

Foto di Tirachard Kumtanom: Il trekking è un’attività perfetta per chi ama camminare e non vuole rinunciare a vivere, durante la bella stagione, qualche avventura in mezzo alla natura. Appagante e divertente, può essere effettuata praticamente da chiunque, anche dai più piccoli e da chi non è particolarmente esperto, a patto, naturalmente, di scegliere il […]

Oggi, 28 giugno, la Commissione Europea ha dato il via libera al primo vaccino contro il virus chikungunya, una malattia trasmessa dalle zanzare infette. Il vaccino, chiamato Ixchiq e sviluppato da Valneva, è stato approvato per l’uso in adulti dai 18 anni in su. Nonostante la chikungunya non sia endemica nell’Unione Europea, l’esecutivo comunitario ha […]