Anoressia: il nemico di cui parlare

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

In un’epoca in cui le immagini di corpi perfetti invadono gli schermi e i social media, e la pressione a conformarsi a determinati standard estetici è sempre più pervasiva, l’anoressia emerge come una risposta distorta e complessa a questa esigenza di perfezione.

Questo disturbo alimentare, infatti, si nutre di modelli realistici e irraggiungibili, innescando una lotta quotidiana per il controllo del peso e dell’immagine corporea.

La rappresentazione che talvolta ne fanno i media contribuisce a distorcere la sua natura. Ma l’anoressia non è uno scherzo: è una patologia grave, che ha un impatto devastante sull’organismo e sulla psiche delle persone che ne soffrono.

In che cosa consiste l’anoressia?

L’anoressia, o più precisamente l’anoressia nervosa, è un disturbo alimentare caratterizzato dalla preoccupazione ossessiva riguardo al peso corporeo e alla forma fisica, e dal rifiuto parziale o totale del cibo. 

La parola anoressia deriva dal greco, ed è composta dal prefisso privativo an- e dalla parola órexis, (“appetito”), e vuole dire, appunto “mancanza di appetito”.

Più precisamente, l’anoressia, intesa come mancanza di appetito, è il sintomo clinico di diverse condizioni mediche, come ad esempio la gastrite o la febbre. Pertanto, quando si vuole far riferimento al disturbo del comportamento alimentare, è più corretto dire anoressia nervosa.

In questo caso, non si è in presenza di una vera e propria mancanza di appetito, quanto piuttosto del rifiuto di mangiare per paura di prendere peso. Questa paura, che diventa il cardine centrale attorno a cui ruota la vita della persona anoressica, è dovuta a un’alterazione dell’immagine corporea. Il corpo, nell’anoressia, viene percepito in modo distorto: troppo grasso, anche quando si è in una condizione di sottopeso e di magrezza patologica. 

Determinare la soglia di peso che consente di individuare l’anoressia non è un compito semplice. Solitamente, il criterio che si adotta è quello di un peso corporeo inferiore al 15% rispetto al peso normale per età e sesso. Oppure si considera l’Indice di Massa Corporea (IMC), che in caso di anoressia è pari o inferiore a 17. La gravità del quadro patologico aumenta man mano che l’IMC diminuisce.

Che tipi di anoressia ci sono?

Esistono 2 tipi di anoressia nervosa. È possibile distinguere tra:

  • Anoressia restrittiva: quando viene adottato un regime alimentare ipocalorico, unito a un’attività fisica intensa. Vengono evitati tutti i cibi che possono far ingrassare, e adottato un rigido controllo alimentare per mantenere il peso inferiore alla norma 
  • Anoressia con condotte di eliminazione, in cui si alternano abbuffate compulsive a strategie compensative per eliminare le calorie ingurgitate, come il vomito autoindotto o l’uso di lassativi e diuretici.

Incidenza

L’anoressia colpisce prevalentemente il sesso femminile, sebbene si possa manifestare anche negli uomini. Statisticamente, si stima che circa il 90-95% dei casi di anoressia nervosa interessino donne e ragazze.

Benché possa manifestarsi in ogni fase della vita, il disturbo esordisce soprattutto durante l’adolescenza o nella prima età adulta. Questi periodi, infatti, sono caratterizzati da significativi cambiamenti fisici, emotivi e sociali, amplificati dalle pressioni sociali e culturali relative all’immagine corporea e al peso.

La mancanza di autostima, i cambiamenti ormonali e fisici, uniti allo stress e alle pressioni accademiche, possono avere un impatto negativo sui comportamenti alimentari.

Come si innesca l’anoressia? Cause e fattori di rischio

Come avviene per tutti i disturbi del comportamento alimentare, le cause dell’anoressia sono determinate da più fattori, tra cui:

  • Fattori ambientali: le pressioni culturali e sociali a essere belli e magri. Oppure lavori o attività che richiedono un corpo magro e sempre performante, come la danza, la ginnastica, la moda
  • Fattori emotivi e stress: perdita di persone care, lutti, cambiamenti o periodi difficili
  • Mutamenti fisici, come quelli dovuti alla pubertà, che possono alterare l’equilibrio e l’identità di una persona molto giovane
  • Traumi fisici o psicologici, come abusi sessuali e violenze fisiche

È importante dire che nell’anoressia, il comportamento ossessivo e/o compulsivo riguardo al cibo rappresenta l’unico mezzo per mantenere il controllo e la sicurezza sulla propria vita, che sembra sfuggire di mano. In altre parole, il rapporto con il cibo diventa uno strumento per gestire in qualche modo un ambiente che è spesso percepito come minaccioso o non sicuro.

Come si riconosce l’anoressia?

Per capire se una persona soffre di anoressia, il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali propone alcuni criteri clinici, tra cui:

  • Limitazione dell’assunzione di cibo, con una perdita di peso significativa
  • Paura di ingrassare
  • Errata percezione del proprio corpo
  • Negazione imperterrita della gravità della propria condizione.

Come accennato nei paragrafi precedenti, un ulteriore criterio è dato dall’indice di massa corporea. Quando inferiore a 17, negli adulti, è considerato notevolmente basso e può essere il segno del disturbo.

Quali sono i sintomi dell’anoressia? 

L’anoressia si manifesta con sintomi fisici e psicologici. I sintomi fisici sono dovuti alla grave condizione di denutrizione e includono:

  • Amenorrea (scomparsa delle mestruazioni)
  • Ipotermia (temperatura corporea inferiore ai 35°C) e conseguente intolleranza al freddo
  • Bradicardia (battito cardiaco inferiore ai 60 battiti al minuto)
  • Pressione bassa
  • Cute secca e colorito giallastro
  • Prurito generalizzato
  • Dolori addominali
  • Stitichezza.

I sintomi psicologici, invece, possono comprendere:

  • Percezione del peso e dell’immagine corporea alterata
  • Cambiamento delle abitudini alimentari in senso restrittivo
  • Paura di ingrassare
  • Ritiro sociale
  • Aumento dell’esercizio fisico
  • Eccessiva preoccupazione per le performance scolastiche.

Come guarire dall’anoressia?

Il trattamento dell’anoressia nervosa richiede un approccio multidisciplinare, eventualmente durante un ricovero ospedaliero, e si basa sulla combinazione di tre diverse strategie d’intervento: 

  • Psicoterapia cognitivo-comportamentale 
  • Trattamento farmacologico, come antidepressivi e antipsicotici per attenuare gli stati di ansia (sebbene il ruolo dei farmaci sia marginale e mirato principalmente a gestire complicanze e problemi clinici derivanti dal disturbo) 
  • Consulenza nutrizionale.

La psicoterapia cognitivo-comportamentale mira a modificare la percezione distorta dell’immagine di sé, che dà origine alla sintomatologia. Allo stesso tempo, la terapia nutrizionale, con diverse fasi di riabilitazione alimentare, risulta essenziale per garantire un aumento graduale del peso corporeo.

Il trattamento multidisciplinare, che si avvale di un team di operatori (in particolare psichiatra, psicologo, medico nutrizionista e dietista, oltre al personale infermieristico), deve consentire percorsi personalizzati adeguati alle necessità e alle caratteristiche individuali dei pazienti.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Perdere peso sì ma a quale prezzo? Un team di ricerca statunitense ha scoperto un’inquietante associazione tra l’uso della semaglutide, un noto farmaco per perdere peso, e un rischio superiore di neuropatia ottica ischemica anteriore non arteritica (NAION), una grave malattia oculare che può sfociare nella cecità improvvisa. Anche se i risultati devono ancora essere […]

Il Ministero della Salute ha recentemente pubblicato un bollettino che segnala un lieve aumento dei contagi da Covid-19. Questo incremento sembra essere correlato alla sottovariante KP.3, che deriva dalla mutazione “madre” JN.1, attualmente predominante. Nonostante la dichiarazione rilasciata dall’OMS a maggio 2023 che ha segnato la fine della fase emergenziale della pandemia, il virus non […]

Foto di Tirachard Kumtanom: Il trekking è un’attività perfetta per chi ama camminare e non vuole rinunciare a vivere, durante la bella stagione, qualche avventura in mezzo alla natura. Appagante e divertente, può essere effettuata praticamente da chiunque, anche dai più piccoli e da chi non è particolarmente esperto, a patto, naturalmente, di scegliere il […]

Oggi, 28 giugno, la Commissione Europea ha dato il via libera al primo vaccino contro il virus chikungunya, una malattia trasmessa dalle zanzare infette. Il vaccino, chiamato Ixchiq e sviluppato da Valneva, è stato approvato per l’uso in adulti dai 18 anni in su. Nonostante la chikungunya non sia endemica nell’Unione Europea, l’esecutivo comunitario ha […]