Amnesia dissociativa: quali sono i segnali e che cosa fare

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

L’amnesia dissociativa comporta una vera e propria incapacità di ricordare informazioni decisamente rilevanti. Quanto si è verificato a Roma recentemente riguardo alla piccola Stella, lasciata sul seggiolino dell’auto parcheggiata proprio davanti all’asilo dal suo papà è un caso specifico. Si tratta di una patologia in cui vengono meno dettagli che non verrebbero trascurati in una condizione psico-fisica ordinaria.

Cos’è l’amnesia dissociativa

A dichiarare quanto segue è Paolo Bersani, psicologo di Piacenza che si occupa di età evolutiva adolescenza e giovani adulti a Today.it. “È una specificità dell’amnesia dissociativa, un tipo di amnesia dei manuali statistici e diagnostici dei disturbi mentali e da quello di riferimento dell’Oms, utilizzato anche dal Servizio Sanitario Nazionale, come una perdita di memoria relativa a importanti eventi recenti. Non è dovuta a una causa organica ed è più marcata rispetto a una classica labilità mnemonica, ovvero una possibile debolezza della memoria”. Quanto accaduto a Roma si riallaccia a questa patologia.

Le cause

La prima ed unica causa è lo stress e vi sono dei campanelli d’allarme da tenere sotto controllo. “Quelli che compaiono in letteratura come associati all’amnesia dissociativa sono la difficoltà di concentrazione durante le attività quotidiane; il sonno disturbato, non regolare o discontinuo; la facile irritabilità che porta a essere più suscettibili; l’automatismo che porta a compiere azioni senza pensarci, senza avere la piena consapevolezza di cosa si sta facendo”.

Quali sono gli stadi dello stress

“Intanto prendere consapevolezza è determinante. Sono tre gli stati dello stress: la prima fase è quella di allarme in cui sono turbato da un evento. La seconda è quella più difficile da identificare, è quella della resistenza allo stress o di adattamento, quando si è in un flusso tale da non percepire più segnali preoccupanti. In questo stato ci si trova travolti da campanelli di allarme così numerosi da non permettere più di individuarli e ritrovare un equilibrio. L’ultima fase dello stress, poi, è l’esaurimento, quando il corpo inizia a comunicarci qualcosa ed è allora chiaro che ci si deve fermare. Conoscere questo schema può già essere d’aiuto a capire come funzioniamo quando siamo sotto stress”.

Il caso della piccola Stella a Roma

Lo psicologo si pronuncia riguardo a quanto accaduto a Roma dal momento che ci sono degli accorgimenti da tenere a mente ed eventualmente da accogliere. “Nel caso di genitori con figli piccoli, il consiglio è quello di parlare con loro in macchina senza distrazioni, così da includere il bambino nella quotidianità fatta anche di tragitti in auto. Poi un altro accorgimento è mettere magari la borsa o il pc sul sedile posteriore accanto al bambino, in modo che l’automatismo di prendere gli oggetti indispensabili induca a rendersi conto della realtà e quindi del piccolo seduto sul seggiolino. Altra utile abitudine è anche posare la borsa preparata con i pannolini o i giochi del figlio sul sedile del passeggero. Sono piccoli gesti che facilitano il ricordo e attivano la memoria fino a quel momento nel vortice dell’automatismo. Da sfruttare anche le tecnologie a nostra disposizione, come un promemoria sul cellulare che ci ricordi dell’impegno di portare il figlio a scuola o dai nonni”.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Nell’ultima settimana, dall’11 al 17 luglio, l’Italia ha registrato 8.942 nuovi casi di Covid-19. Questo rappresenta un aumento del 62,5% rispetto alla settimana precedente. Il dato emerge dal Monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) e del Ministero della Salute, evidenziando una preoccupante crescita della diffusione del virus. Nonostante l’incremento dei contagi, la situazione nei […]

In uno studio condotto dall’UC Berkeley, dalla Columbia University e da altre istituzioni, i ricercatori hanno scoperto che diverse marche importanti di tamponi contengono livelli tossici di metalli. I risultati dello studio I ricercatori hanno acquistato tamponi da grandi marchi dell’UE, del Regno Unito e degli Stati Uniti, secondo un comunicato stampa dell’UC Berkeley Public […]

Per molte donne, la fase premestruale è un periodo associato a fastidiosi sintomi come gonfiore, crampi, sbalzi d’umore e irritabilità. Se anche tu soffri di questi disturbi, ti interesserà sapere che non sei sola e che esistono diversi rimedi naturali per aiutarti ad alleviarli e a vivere questo momento con più serenità. In questo articolo, […]

Photo by Kamaji Ogino La detersione del viso è il primo, fondamentale passaggio per una skincare routine efficace, sia per rimuovere il trucco sia per liberare la pelle dalle impurità accumulate durante la giornata. Scegliere il prodotto giusto, però, può essere un’impresa: come orientarsi tra le diverse tipologie di detergenti disponibili? Tra i numerosi prodotti […]