12 luglio 2018 |

Le strategie di coping per essere ottimisti e avere successo

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Le strategie di coping sono utilissime perché permettono di essere ottimisti e avere successo sia nella vita di tutti i giorni sia nel lavoro.

Cosa sono le strategie di coping? Il coping è quel meccanismo che ci permette di riuscire a prevenire, fronteggiare e risolvere le varie situazioni che la vita propone, evitando stress per noi e per gli altri.

Potremmo dire che consiste in una sorta di problem solving psicologico che anche le aziende cercano di mettere a disposizione dei propri dipendenti per migliorarne la resa al lavoro. Si tratta quindi una modalità di pensare e agire appresa che si può imparare e applicare alla nostra quotidianità.

A livello teorico, il coping è stato definito da Richard Lazarus, professore di psicologia presso l’Università di Berkeley, e Susan Folkman dell’Università di San Francisco, come un insieme di sforzi cognitivi e comportamentali che vengono messi in atto da un soggetto per gestire le richieste esterne in relazione alle risorse che si possiedono.

È per questo che spesso le strategie di coping sono associate al concetto di resilienza, che consiste nella capacità di adattarsi alle situazioni stressanti uscendone più forti di prima. Ma quali sono i passaggi che la nostra mente compie per mettere in atto le strategie di coping?

Ad esempio, mantenere la calma e la lucidità nel valutare quello che ci sta accadendo senza farci sopraffare dalla situazione. Poi è la volta del passo successivo: individuare i mezzi che abbiamo a disposizione e che possono consentirci di risolverlo.

Inoltre, utilizzare le strategie di coping ci permette di controllare eventuali stati emotivi negativi portandoci ad essere maggiormente propensi all’ottimismo sulla risoluzione del problema, superando così anche la forte componente di stress che accompagna queste situazioni complicate.

L’applicazione di strategie di coping è fondamentale anche per percepire sé stessi come “efficaci” e “validi”, cioè in grado di affrontare il problema con le proprie forze e risorse. Ultimo step, da non sottovalutare, è la propensione ad accettare il cambiamento che la soluzione adottata potrebbe comportare.

Inoltre, l’uso di strategie di coping ci consente di preservare risorse personali molto importanti per il nostro benessere psicofisico, come tempo ed energia.

Leggi anche:

Potrebbe interessarti anche