09 maggio 2018 |

Cherofobia, 5 cose da sapere sulla paura di essere felici

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Avete mai sentito parlare della cherofobia? E’ la paura di essere felici, o meglio, di vivere situazioni che provocano allegria, gioia e benessere. A prima vista sembrerebbe assurdo parlare di paura della felicità perché la ricerca di questo stato emotivo è sempre stata alla basa di ogni volontà umana, tuttavia ci sono soggetti che, per diverse cause, hanno una vera e propria paura della felicità. Ma perché accade tutto questo? Quali sono le cause che portano a tale stato di insoddisfazione perenne? Le cose da sapere sulla cherofobia sono tante!

La cherofobia si manifesta con ansia e paura

Chi soffre di cherofobia rifugge la felicità e, più in generale, le situazioni che sono fonte di benessere. In altre parole si è talmente concentrati sui possibili eventi negativi di una situazione che si evitano quelli positivi: il soggetto evita quindi le situazioni favorevoli per timore che si trasformino in fonte di sofferenza. Di qui l’ansia e la paura che si manifesta tutte le volte che un evento positivo sembra alle porte.


La cherofobia ha conseguenze sulla vita sociale e di relazione

Chi soffre di cherofobia non è necessariamente un soggetto sempre triste, ma è sicuramente qualcuno che evita alcuni eventi per paura che possano tramutarsi in fonte di infelicità. Un nuovo lavoro, un nuovo amore, uno sport che piace, dunque, possono ritenersi eventi da evitare. Le conseguenze sulla propria vita sociale, lavorativa e sentimentale sono evidenti.

I soggetti più colpiti dalla cherofobia

Un lieve timore che si ha naturalmente nell’affrontare situazioni nuove è normale. Si parla di patologia, invece, quando il soggetto rifugge da situazioni che potenzialmente possono essere fonte di benessere personale. I soggetti più colpiti dalla cherofobia, dunque, sono i pessimisti, ma anche gli introversi e i perfezionisti. Spesso, però, la paura della felicità e del piacere riguarda anche chi ha dei retaggi familiari particolari che hanno portato, ad esempio, durante l’infanzia a creare un legame fra felicità e punizione. Se il bambino ha percepito l’allegria e la gioia come emozioni meno importanti rispetto al senso del dovere e allo spirito di sacrificio è probabile che da adulto si instaurino queste dinamiche.

Non esistono farmaci per trattare la cherofobia

Poiché la cherofobia non è stata ancora studiata né è stata oggetto di ricerche scientifiche appropriate, non ci sono ancora farmaci approvati dalla FDA o altri trattamenti definitivi per la cherofobia che una persona possa assumere per trattare tale condizione.

Non sempre è necessaria una cura

A questo punto, viene da chiedersi quale sia la cura per la cherofobia. Ebbene, non sempre è indispensabile curarsi da questo disturbo né dai suoi sintomi. Se la cherofobia interferisce con la propria vita sociale, lavorativa e di relazione, il consiglio è  quello di rivolgersi ad uno psicologo; diversamente potrebbe non essere necessario alcun trattamento. Certo è che il timore di essere felici non ci concederà mai attimi di vero piacere e soddisfazione. Insomma, di certo – anche solo in minima parte – ci ostacolerà. Capire di soffrire di questo disturbo comportamentale è sicuramente un buon passo per iniziare a correggersi.

Leggi anche:

4 consigli per superare la timidezza
Come superare un attacco d’ansia

Carmela Giglio

Potrebbe interessarti anche