07 febbraio 2013 |

Dipendenza affettiva: donne che soffrono di mal d’amore

Iscriviti alla Newsletter di Donnaclick

Non perderti le ultime novità

Quando si parla di “mal d’amore” si pensa all’amore sofferto di chi ama ma non è corrisposto e/o non può vivere un rapporto con la persona amata, come molti romanzi e poesie hanno narrato nei secoli. In realtà c’è un altro mal d’amore, forse peggiore e più doloroso, ovvero la dipendenza affettiva.


Che cos’è la dipendenza affettiva?

E’ una forma di dipendenza che si sviluppa nei confronti di una persona e in particolare, ciò che genera la dipendenza è il bisogno di ricevere attenzioni e conferme da parte dell’altro, che diventa indispensabile in quanto conferma del proprio valore personale e anche motivo di compensazione di un vuoto affettivo interiore.

Chi soffre di dipendenza affettiva?

A soffrire di dipendenza affettiva sono soprattutto donne fragili, insicure, con scarsa stima di sé, con una storia personale caratterizzata da un legame di attaccamento insicuro e da un nucleo di vuoto affettivo che spesso ha origine da esperienze infantili in cui il bisogno di amore non è stato accolto e non ha trovato risposta nelle figure di riferimento.

Le donne che sviluppano una dipendenza affettiva, hanno un’idea di sé di scarso valore e di scarsa amabilità, per cui ricercano nell’altro risposte e conferme che non riescono a trovare in loro stesse, per cui assumono un atteggiamento passivo che le porta ad elemosinare attenzioni e a subire comportamenti e trattamenti che per qualsiasi altra persona sarebbero intollerabili.

E i partner?

Solitamente i partner scelti sono di due tipologie: l’uomo incurante, egoista, centrato su di sé e sui suoi bisogni individuali, che trova nella donna dipendente motivo di continua lusinga e conferma della sua importanza, per cui entrambi si rinforzano reciprocamente nei rispetti bisogni personali; l’uomo possessivo che concepisce il rapporto di coppia su un piano verticale, stile “padre-padrone”, per cui è lui che comanda e decide e la donna subisce giustificando e confondendo i comportamenti di lui come gesti di attenzione e amore, al punto tale da arrivare talora a tollerare anche manifestazioni di aggressività e violenza. Talune altre volte, anche se più raramente, la donna dipendente si incontra con un uomo a sua volta affetto da dipendenza affettiva, per cui si sviluppa una relazione di mutua-dipendenza.

Al di là del tipo di partner, in tutte questi casi si vengono a strutturare relazioni disfunzionali, che finiscono per rinforzare e mantenere una condizione di dipendenza affettiva con conseguenti ripercussioni negative e distruttive a livello psicologico.

La buona notizia è che si può uscire dalla dipendenza affettiva, per quanto non sia un percorso semplice e necessiti di supporto psicoterapeutico, essendo coinvolti nuclei profondi e strutturali difficilmente individuabili e modificabili da sole…la protagonista del simpatico e divertente libro “S.O.S. Amore” è un esempio vincente di donna che riemerge da una dipendenza affettiva, riuscendo a interrompere un rapporto malsano e imparando a volersi bene.

 

Articolo scritto da Dott.ssa Francesca Lemmipsicologo clinico e psicoterapeuta, esperta dello spazio della redazione di Donnaclick dedicato al benessere psicologico delle donne.

Potrebbe interessarti anche