Mare Fuori, altro importante riconoscimento: fan felici

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Con oltre 35 milioni di streaming complessivi il singolo ‘O Mar For‘ (Edizioni Musicali Rai Com), sigla della serie di successo ‘Mare fuori‘, è certificato Disco di platino.

Il brano, distribuito da Believe così come tutta la colonna sonora della serie, è stato inserito in diciannove playlist, ha conquistato due copertine ed è entrato nella Top 100 singoli e nella Top 50 Italia.

Gli stream complessivi delle colonne sonore delle tre stagioni hanno invece superato quota 54 milioni. Il riconoscimento sarà consegnato da Luca Daher (Believe Managing Director) e dal team di Believe Italia a Stefano Lentini e Lorenzo Gennaro (autori della musica), Raiz (voce in ‘O Mar For’ e attore nella terza stagione della serie) e ad Angelo Teodoli, amministratore delegato di Rai Com.

Testo di ‘O Mar For’

Appicc n’ata sigarett
Allà c sta mammà ch chiagn e nun da rett
Cu sta fatic mo c’accattamm pur a Regg e Casert
So crisciut miezz a vie, o sacc chell che m’aspett
Nu guaglion ro sistema, mo vo sistemà tutt cos
Miezz a vie e megl a ten e fierr o a vennr e ros

Patm sta carcerat, so l’omm e cas
Lievc e man a cuoll ca chill m’è frat
E m fa mal o cor o sai pur tu (pur tu)
Non c vac a scol, no, ma nun ca vac chiù
M’acchiappn a Gaiol cu nu chil e fumm
Mar mo sta for, nun m pozz vere chiù

Nun te preoccupa’ guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Nun te preoccupa’ guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for

Ricn ca mill culur
Agg vist’o sul o grig (nanananana)
Nto cortil e guaglion
S fann n’ata strisc
Tutt e juorn ugual vogl asci (vogl asci)
O mor ca dint o mor acciso
A cap m fa mal, n’arriv a capì
Si so nat cca, qual è a colpa mia?
Mann mis o fierr n’man e mann itt “spar”
Napl a ca dind par assai luntana
Tutt e juorn pens “c’agg fatt e mal?”
Tutt e juorn, tutt e juorn pens’o mar (pens’o mar)

Nun te preoccupa’ guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Nun te preoccupa’ guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Nun te preoccupa’ guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Aret e sbarr, sott o ciel c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for
Nun te preoccupa’ guaglio, c sta o mar for
C sta o mar for, c sta o mar for

Traduzione

Accendo un’altra sigaretta
Di là c’è mamma che piange, non ci pensare!
Con questo lavoro ora ci compriamo pure la Reggia di Caserta
Sono cresciuto per strada, so quello che mi aspetta
Un ragazzo ‘del sistema’ (riferito alla malavita, ndr), ora può sistemare tutto
Per strada è meglio avere le pistole o vendere le rose
Mio padre sta in carcere, io sono l’uomo di casa
Togli le mani da dosso a quello che è come fosse mio fratello
E mi fa male il cuore, lo sai anche tu (anche tu)
Non ci vado a scuola, no, mamma non ci vado più
Acchiappo una carriola con un chilo di fumo
Il mare adesso sta fuori, non posso vederlo più

Non preoccuparti ragazzo, ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto al cielo ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Non preoccuparti ragazzo, ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto al cielo ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori

Dicono abbia mille colori
Ho visto solo il grigiore (nanananana)
Nel cortile i ragazzi
Si fanno un’altra striscia

Tutti i giorni uguali, voglio uscire (voglio uscire)
O muoio qua dentro, o muoio ucciso
La testa mi fa male, non arriva a comprendere
Se sono nato qua, qual è la mia colpa?
Mi hanno messo in mano la pistola e mi hanno detto “spara”!
Napoli qua dentro sembra molto lontana
Tutti i giorni penso “che ho fatto di male?”
Tutti i giorni penso al mare (penso al mare)

Non preoccuparti ragazzo, ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto al cielo ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Non preoccuparti ragazzo, ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto al cielo ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori

Non preoccuparti ragazzo, ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori
Dietro le sbarre, sotto al cielo ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori

Non preoccuparti ragazzo, ci sta il mare fuori
Ci sta il mare fuori, ci sta il mare fuori

VIDEO

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Non si ferma il progetto della label palermitana Southside Records, una realtà che è nata grazie all’intuizione e all’ambizione di alcuni ragazzi palermitani che uniti dalla passione per il rap sono riusciti a unire gli artisti fra i più interessanti della scena musicale del Sud Italia. Il roster dell’etichetta discografica ora può ritenersi al completo […]