Villocentesi si o no? Ecco cosa c’é da sapere

di francesca


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Villocentesi : in cosa consiste

La villocentesi consiste nel prelievo dei villi coriali, una porzione della placenta di origine fetale (le cui cellule, dunque, hanno lo stesso materiale genetico del feto). Il prelievo si effettua tramite l’inserimento di un ago nell’addome della donna, sotto controllo ecografico.

Di solito non é necessaria anestesia, ma l’analisi puà essere fastidiosa per la procedura che richiede di muovere l’ago per il prelievo delle porzioni di tessuto.

I risultati della villocentesi, di solito, si hanno in due settimane (le cellule devono essere coltivate in laboratorio prima di essere analizzate).

A cosa serve la villocentesi

Le cellule prelevate vengono coltivate in laboratorio. Su di esse si effettuerà l’analisi del cariotipo, ovvero del corredo cromosomico del feto, allo scopo di effettuare la diagnosi prenatale di eventuali anomalie cromosomiche (trisomia 21 o sindrome di Down, trisomie 13 e 18 o aneuploidie dei cromosomi sessuali).

Possono essere svolte anche indagini mirate per escludere che il feto sia affetto da particolari malattie genetiche.

Villocentesi: rischi

Il rischio abortivo é simile a quello dell’amniocentesi (1% circa).

Raramente possono verificarsi perdite di sangue e/o di liquido dai genitali, contrazioni uterine, infezioni intrauterine con febbre.

Dopo la villocentesi, viene effettuata la profilassi per il rischio di immunizzazione Rh.

Costo della villocentesi

Il costo é molto variabile, da un minimo di 500 euro. Il prezzo aumenta se all’esame di base si aggiungono test specifici per malattie genetiche particolari.

Nelle strutture pubbliche, ove effettuato, l’esame é gratuito per donne oltre i 35 anni o con un rischio aumentato di patologie cromosomiche (ad esempio in caso di risultato positivo ai test probabilistici).

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Foto di Tai’s Captures su Unsplash Quando il bambino che portiamo in grembo sta per mettere il suo piedino, per la prima volta, nel suo futuro mondo, è il caso di pensare a stilare una lista di nascita. È una scelta che ha molti aspetti positivi in quanto permette a tutti di fare shopping intelligente. […]