Toxoplasmosi in gravidanza. Come evitarla?

di francesca

Come avviene il contagio? Il contagio avviene dall’ingestione di carne cruda o poco cotta, con il contatto con le feci degli animali domestici o no, portatori di questa malattia.
E’ stato provato che gli animali eliminano toxoplasmosi in fase vegetativa attraverso le urine, le feci, il secreto vaginale, il latte ecc., Le vie d’ingresso del parassita sono diverse tra le quali le mucose orale, nasale, faringea, congiuntivale, abrasioni, ferite.

Toxoplasmosi e gravidanza
Se la mamma che aspetta un bambino risulta non essere immune dal test della toxoplasmosi, si dovranno rispettare delle regole cautelative per evitare di ammalarsi e provocare gravi danni al nascituro.

Come fare prevenzione per evitare di contrarre la toxoplasmosi?
Se si ha un gattino evitare di accarezzarlo e di tenerlo nelle strette vicinanze.
Attenzione all’alimentazione!


  • Evitare di mangiare carne poco cotta o addirittura cruda.

  • Lavare accuratamente frutta e verdura, in modo da evitare che ci sia della terra che potrebbe portare all’infezione.

  • Preferite verdure cotte.

  • Mangiare frutta preferibilmente senza buccia e magari preventivamente messa a bagno con del bicarbonato o prodotto adatto.

  • Altra regola fondamentale é quella di lavarsi le mani ogni volta che si tocca la terra, anche se si tratta dei vasi di casa nostra o del nostro giardino.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

3 min

Una delle domande più frequenti relativi alla dolce attesa è: ma è possibile mangiare le cozze in gravidanza? Le cozze sono tra i frutti di mare più amati e utilizzati nella nostra cucina. Costano poco, sono gustose e in più contengono l’importante vitamina B12. Mangiare cozze in gravidanza: controindicazioni? A quanto pare le future mamme […]