Pancia post parto: dopo quanti mesi va via?

di francesca


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Non è una domanda alla quale è possibile dare una risposta secca, considerato che, i tempi variano in relazione a diversi fattori. Innanzitutto è importante preventivamente tenere sotto controllo il peso durante i mesi di gravidanza, con l’aiuto di un ginecologo e se possibile di un nutrizionista che impartisca alle future mamme un piano alimentare equilibrato. Ma diciamoci la verità, la gravidanza è anche un’occasione per concedersi qualche leccornia e sentirsi in dovere di coccolarsi con prelibatezze che, di solito, ci sforziamo di evitare.

Tendenzialmente quasi ogni mamma riesce a tornare in forma nel giro di pochissimi mesi, quindi a rientrare abbastanza velocemente nella vecchia taglia di pantaloni, riequilibrando l’alimentazione e praticando regolare esercizio fisico, che non soltanto aiuterà a perdere peso in maniera localizzata, ma consentirà di recuperare la forma desiderata in tempi brevi.

E’ pur vero che nonostante tutto, spesso, è abbastanza difficile riottenere un addome piatto e sodo, ci sono donne che riescono a perdere completamente la pancetta post-parto soltanto dopo uno o due anni, e ce ne sono anche delle altre che, probabilmente a causa di vari fattori dominanti tra cui l’età e la costituzione fisica, non riescono a smaltirla completamente , nonostante seguano una dieta ferrea e pratichino con costanza un’attività sportiva.

In questi casi, se ancora nel giro di 7-8 mesi non ci sono stati grandi cambiamenti alla circonferenza del vostro addome, è opportuno accompagnare all’esercizio fisico anche massaggi e trattamenti a base di creme e prodotti rassodanti con azione localizzata.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Gli shirataki sono un tipo di noodle tradizionale giapponese che sta guadagnando popolarità in tutto il mondo per le sue proprietà uniche e i suoi benefici per la salute. Questi noodles sono realizzati dalla radice di konjac, una pianta che cresce in alcune parti dell’Asia. Il nome “shirataki” significa “cascata bianca”, un riferimento all’aspetto traslucido […]

La portulaca, conosciuta anche come Portulaca oleracea, è una pianta che molti considerano un’erbaccia comune, ma che in realtà nasconde straordinarie proprietà nutritive. Diffusa in tutto il mondo, questa pianta cresce spontaneamente nei giardini, nei campi e perfino nei marciapiedi delle città. Nonostante il suo aspetto modesto, la portulaca è un vero e proprio tesoro […]

Il tahini, una pasta di semi di sesamo, ha radici profonde nella cucina mediterranea e mediorientale, con una presenza significativa nella dieta greca. Questo alimento ricco di nutrienti non è solo un ingrediente essenziale in molte ricette tradizionali, ma è anche apprezzato per le sue proprietà benefiche per la salute. La sua produzione è relativamente […]

La graviola, conosciuta anche come annona muricata o guanabana, è un frutto esotico originario delle regioni tropicali dell’America centrale e meridionale. Appartenente alla famiglia delle Annonaceae, questo frutto verde e spinoso ha guadagnato crescente attenzione negli ultimi anni grazie alle sue presunte proprietà antitumorali. La graviola cresce principalmente in climi caldi e umidi, come Brasile, […]