Dieta in gravidanza: no all’aspartame, è nocivo per mamma e feto

di francesca


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Prendere peso in gravidanza è un fatto fisiologico che diventa preoccupante per coloro che partono da una situazione di sovrappeso, e che temono di prendere più chili del dovuto. Generalmente un aumento di 12-15 chili è abbastanza normale per una donna in dolce attesa, ma in molti casi nell’arco dei nove mesi, ci sono soggetti che a causa di vari fattori arrivano a prendere anche 20-25 chili, cosa che ovviamente, negli ultimi mesi di gravidanza crea anche disagi di tipo pratico.

Così molte di loro decidono di seguire una dieta ipocalorica e di assumere dolcificanti artificiali per ridurre il numero di calorie e in particolare l’apporto di zucchero all’organismo, cosa che ginecologi e nutrizionisti, in questi casi, sconsigliano.

Tra i dolcificanti più gettonati c’è l’aspartame, contenuto in moltissimi prodotti, che a parità di calorie con lo zucchero tradizionale, ha una carica dolcificante molto più elevata, ne necessitano quindi piccole quantità per zuccherare cibi e bevande. Purtroppo quella sull’aspartame è una questione spinosa che in un certo senso divide la comunità scientifica tra quanti sostengono che sia un valido prodotto indicato in patologie particolari come il diabete, e in generale in tutti quei casi in cui è necessario ridurre l’apporto calorico, e quanti invece sostengono che la sua tossicità possa causare gravi malattie e danni all’organismo.

Un pericolo per tutti ma soprattutto per le donne in attesa, perché pare che il consumo possa indurre ad un parto prematuro, per cui ginecologi e nutrizionisti, sconsigliano di assumere bevande dolcificate artificialmente. L’assunzione di questo dolcificante può inoltre causare problemi di salute di tipo neurologico al feto, per cui è meglio non assumere aspartame e altri dolcificanti durante tutto l’arco della gravidanza. Se la paura è quella di prendere qualche chilo di troppo, è meglio rivolgersi ad un nutrizionista.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

La portulaca, conosciuta anche come Portulaca oleracea, è una pianta che molti considerano un’erbaccia comune, ma che in realtà nasconde straordinarie proprietà nutritive. Diffusa in tutto il mondo, questa pianta cresce spontaneamente nei giardini, nei campi e perfino nei marciapiedi delle città. Nonostante il suo aspetto modesto, la portulaca è un vero e proprio tesoro […]

Il tahini, una pasta di semi di sesamo, ha radici profonde nella cucina mediterranea e mediorientale, con una presenza significativa nella dieta greca. Questo alimento ricco di nutrienti non è solo un ingrediente essenziale in molte ricette tradizionali, ma è anche apprezzato per le sue proprietà benefiche per la salute. La sua produzione è relativamente […]

La graviola, conosciuta anche come annona muricata o guanabana, è un frutto esotico originario delle regioni tropicali dell’America centrale e meridionale. Appartenente alla famiglia delle Annonaceae, questo frutto verde e spinoso ha guadagnato crescente attenzione negli ultimi anni grazie alle sue presunte proprietà antitumorali. La graviola cresce principalmente in climi caldi e umidi, come Brasile, […]

La pitaya, comunemente nota come “frutto del drago“, è un frutto esotico che sta guadagnando sempre più popolarità grazie ai suoi benefici per la salute e il suo aspetto unico e inconfondibile. Originaria delle regioni tropicali delle Americhe, la pitaya appartiene alla famiglia dei cactus e si distingue per la sua buccia colorata e le […]