GF Vip 7, Luca Salatino: “A causa del bullismo volevo suicidarmi”

di Manuela Zanni

Al  Grande Fratello Vip non solo docce hot e spaghettate di mezzanotte. Da quando è iniziata la settima edizione lo scorso 19 settembre, i  concorrenti si stanno lasciando andare a confessioni sempre più intime e toccanti che dimostrano la loro volontà di essere sinceri.

Luca Salatino si confessa: “Sono stato vittima di bullismo”

Al Grande Fratello Vip, Luca Salatino si è confidato con i suoi compagni di avventura. L’ex tronista di Uomini e Donne ha svelato alcune sfaccettature dolorose della sua vita, da quando è stato vittima di bullismo a quando – a causa del problema dell’ansia – ha pensato al suicidio.   Luca Salatino ha confidato ai compagni di avventura  Alberto De Pisis ed Elenoire Ferruzzi di essere stato vittima di bullismo e di avere sofferto di ansia. Raccontando il suo dramma adolescenziale Luca Salatino ha usato queste parole : “Appena uscivo di casa mi picchiavano”.

Luca Salatino

Luca Salatino

Luca Salatino soffriva di ansia

Luca Salatino ha confidato a Elenoire Ferruzzi di avere sofferto di ansia, tanto da pensare di mettere fine alla sua vita: “Ad esempio l’ansia, ho cercato di respingerla, anche se è un atteggiamento sbagliatissimo perché  in questo modo la alimentavo. Invece la si  deve  accettarla perché è uno stato d’animo. Certo, sicuramente ti alimenta tante sensazioni che non sono proprio il top. Mi volevo suicidare io eh”. Elenoire ha rimarcato la sua forza nel respingere quella sensazione: “Non lo hai fatto”.

Luca Salatino vittima di bullismo

Luca Salatino ha spiegato ad Alberto De Pisis che la persecuzione dei bulli ha rovinato la sua infanzia, trasformandolo da un ragazzo sensibile a un uomo convinto di dover dimostrare di essere un duro, per non rischiare di essere ferito: “Ero un ragazzo tanto sensibile. I ragazzi più grandi mi menavano. Io ho sofferto di bullismo. Sono stato bullizzato quando ero piccolo. E allora poi succede che ti devi costruire un’armatura.

Ecco perché Luca Salatino si è costruito un’ armatura

Elenoire Ferruzzi e Luca Salatino

Elenoire Ferruzzi e Luca Salatino

Così, si è visto costretto a crearsi un’armatura. Ha cominciato a fare pugilato ed è ricorso ai tatuaggi per avere un aspetto che lo rendesse più temibile: “L’armatura qual è? I tatuaggi, fai pugilato, ti fai vedere duro. Io quando uscivo di casa, appena scendevo mi menavano. Senza un motivo reale, in verità. È quello che poi mi ha incattivito. Dentro una foresta devi essere il più forte, altrimenti ti mangiano. Però è sbagliato. Come vivi? Perché il mondo deve essere per forza duro? Perché devi fare vedere alla gente che devi essere per forza duro?”.

LEGGI ANCHE: Elenoire Ferruzzi  ha perso la testa per Luca Salatino

Il commento di Alberto De Pisis

Alberto De Pisis lo ha ascoltato con attenzione  le parole del suo coinquilino e ha cercato di confortarlo  mostrandosi molto comprensivo nei suoi confronti.  “Nella società in cui viviamo, vince tante volte – in maniera anche piuttosto sbagliata – il più forte. Chi sgomita più forte. Soprattutto in questo ambiente così competitivo, che io conosco. Ognuno pensa agli affari suoi, è una vita fatta di gente opportunista, di gente che gioca a chi ti fa lo sgambetto più velocemente. Purtroppo è così” ha commentato De Pisis.

LEGGI ANCHE: Elenoire Ferruzzi : “Il mio nome era Massimo”  


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

4 min

Vittorio Feltri, amico di Trussardi nonché suo testimone delle nozze con Michelle, in una intervista ad Oggi ha raccontato che la coppia si è riavvicinata facendo riprendere a sognare tutti coloro che erano felici di questa reunion. Tuttavia, una lettura più attenta lascia intendere che il riavvicinamento tra i due sarebbe stato unicamente nell’interesse delle […]

4 min

Fabio Volo Il vero nome di Fabio Volo è Fabio Luigi Bonetti. Nasce a Calcinate, il 23 giugno del 1972, quindi ha 50 anni. Cresce a Brescia, dove continua a risiedere. Consegue la licenza media inferiore, ma non completa gli studi liceali. Inizia a lavorare come panettiere con il padre. “A 14 anni ero già […]

7 min

Paolo Villaggio Paolo Villaggio nasce a Genova, il 30 dicembre del 1932. Muore a Roma, il 3 luglio del 2017, all’età di 84 anni. Frequenta il Liceo Classico e prosegue gli studi alla Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Genova, ma non li porta a termine per dedicarsi a svariati impieghi. Inizia a seguire la società […]