I frutti più dietetici: la lista completa per una sana alimentazione

di Redazione con ChatGPT


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Mangiare frutta fa bene alla salute, ma alcuni frutti sono particolarmente utili per mantenere una dieta equilibrata e sana. In questo articolo, esploreremo i frutti più dietetici che possono aiutare a raggiungere e mantenere il proprio peso forma.

Frutti a basso contenuto calorico

La scelta di frutta a basso contenuto calorico è un modo intelligente per soddisfare il proprio appetito senza compromettere la dieta. Ecco alcuni esempi:

Mirtilli

I mirtilli sono tra i frutti più salutari e dietetici. Con solo 57 calorie per 100 grammi, sono una fonte eccellente di vitamina C e antiossidanti.

Fragole

Le fragole sono un’altra scelta eccellente per una dieta a basso contenuto calorico. Con solo 32 calorie per 100 grammi, sono anche ricche di vitamina C e potassio.

Melone

Il melone è un’altra scelta salutare per la dieta. Con solo 34 calorie per 100 grammi, è anche una fonte di vitamina C, potassio e antiossidanti.

Frutti ricchi di fibre

La fibra è un nutriente importante per la salute digestiva e per il mantenimento della sensazione di sazietà. Ecco alcuni frutti ricchi di fibre:

Mele

Le mele sono una buona fonte di fibre solubili e insolubili. Una mela di medie dimensioni contiene circa 4 grammi di fibre.

Pere

Le pere sono anche una buona fonte di fibre, con circa 6 grammi di fibre in una pera di medie dimensioni.

Kiwi

Il kiwi è un altro frutto ricco di fibre. Una porzione di kiwi (due kiwi medi) contiene circa 4 grammi di fibre.

Frutti ricchi di acqua

I frutti ricchi di acqua possono aiutare a mantenere il corpo idratato e a prevenire la sensazione di fame. Ecco alcuni esempi:

Anguria

L’anguria è un frutto ricco di acqua, con circa il 92% del suo contenuto costituito da acqua. Con solo 30 calorie per 100 grammi, è anche una scelta eccellente per una dieta a basso contenuto calorico.

Pompelmo

Il pompelmo è un altro frutto ricco di acqua, con circa il 90% del suo contenuto costituito da acqua. Con solo 42 calorie per 100 grammi, è anche una buona scelta per una dieta a basso contenuto calorico.

Cocomero

Il cocomero è un altro frutto ricco di acqua, con circa l’88% del suo contenuto costituito da acqua. Con solo 30 calorie per 100 grammi, è anche una buona scelta per una dieta a basso contenuto calorico.

Foto da DepositPhotos.

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

Si chiama Mytho, il gene che sta rivoluzionando la comprensione dell’invecchiamento e della qualità della vita. Grazie a una ricerca internazionale durata nove anni e guidata dall’Università di Padova, questo gene è stato finalmente identificato. Mytho è conservato quasi identico in molte specie, dai vermi all’uomo, e promette di migliorare la salute durante l’invecchiamento. A […]

Sognare di tornare a scuola è un’esperienza comune a molte persone, indipendentemente dall’età. Questi sogni possono variare enormemente, ma spesso coinvolgono scenari come essere in ritardo per una lezione, non trovare l’aula giusta, o affrontare un esame per il quale non ci si è preparati. Mentre alcuni potrebbero considerare questi sogni come semplici reminiscenze del […]

Allerta a Tokyo per i numeri elevati di sindrome da choc tossico streptococcico, un batterio carnivoro che porta alla morte. Da inizio anno a marzo 77 persone sono morte a causa di un’infezione batterica. Il ministero della Salute ha registrato, al 2 giugno, 977 casi di sindrome da choc tossico streptococcico (Stss), un’infezione batterica pericolosa […]

Le bacche di schisandra, note anche come “frutti dei cinque sapori”, stanno guadagnando popolarità come superfood grazie ai numerosi benefici che offrono per la salute del corpo e della mente. Originarie dell’Asia orientale, queste piccole bacche rosse sono utilizzate da secoli nella medicina tradizionale cinese per le loro proprietà adattogene, antiossidanti e tonificanti. Vediamo più […]

Un rivoluzionario esame del sangue potrebbe permettere di diagnosticare la malattia di Parkinson fino a sette anni prima della comparsa dei sintomi. Questo test è stato sviluppato da un team internazionale di ricercatori dell’University College London e dell’University Medical Center Goettingen, e utilizza l’intelligenza artificiale per analizzare otto biomarcatori specifici. La scoperta, pubblicata sulla rivista […]