Marta Centineo: la bellezza eterna della natura in un gioiello

di Alice Marchese

“Un ricordo particolarmente felice legato alla mia esperienza è sicuramente quello di mio nonno che un giorno guardando la sua piante preferita (GAILLARDIA PULCHELLA) mi disse: “cerca di tenerla sempre in vita” così l’ho resa eterna in un gioiello”.

23 anni, un amore sconfinato per la botanica e un futuro davanti a sé: è la storia di Marta Centineo, studentessa di Scienze Forestali e Ambientali presso l’Università Degli Studi Di Palermo. Realizza con estrema cura e con una passione innata monili con foglie, fiori, semi essiccati rendendo così immortale la magnificenza della natura.
Durante il suo percorso di studi è rimasta particolarmente affascinata dalle discipline botaniche e dall’ecologia, coltivando così un forte interesse verso le piante spontanee.

“Mi piace stare a contatto con la natura e camminare tra le campagne e i boschi delle Madonie, lì mi lascio ispirare dalle linee perfette del mondo vegetale e dalle energie che emanano” ha detto Marta, la quale immergendosi in quella dimensione idilliaca trova la sua scintilla che le permette di dar vita a gioielli unici e inconfondibili.

Tutto ha avuto inizio un anno fa “raccogliendo e catalogando piante e fiori, camminando tra i pochi ettari di terreno dei miei nonni a Gangi, area di notevole interesse naturalistico e ricca di biodiversità come il territorio circostante. E’ una fortuna passare del tempo in questi luoghi ed è nostro dovere preservarne la bellezza”.

La pace che le riserva questo luogo è così incantevole che le conferisce il dono di entrare in contatto con se stessa; ella interiorizza quell’armonia che le stimola la fantasia a tal punto da costruire anelli, collane e orecchini scolpendo così la bellezza di ciò che le sta attorno.

“Dopo la raccolta nel pieno rispetto delle regole e dell’ambiente vado nel mio laboratorio fatto di tavoli, mensole e tutto quello che riesco a recuperare e riadattare. Creo collane , orecchini , anelli con foglie, fiori , semi essiccati. Mi piace inoltre progettare e dare vita a piccoli ecosistemi chiamati terrarium, mini giardini autosufficienti da tenere in casa”.

Foto di Marianna Lo Pizzo

Marta ha solo 23 anni e una vita davanti a sé; nonostante la giovane età ella ha una qualità non comune nel trasformare ciò che apparentemente sembra lontano da noi in qualcosa da indossare quotidianamente e da tenere così vicino a noi.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria