Digestione, 5 soluzioni efficaci contro il reflusso

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

5-10% degli adulti soffrono di reflusso gastroesofageo (RGO) quotidianamente e fino al 30-40% occasionalmente. Il RGO si verifica quando il contenuto acido dello stomaco risale nell’esofago, causando sintomi significativi e talvolta lesioni della mucosa. Questo disturbo è dovuto a un malfunzionamento nella parte bassa dell’esofago, dove il muscolo del diaframma e lo sfintere esofageo inferiore non funzionano correttamente, permettendo così al contenuto acido e agli alimenti di risalire.

Trattamenti e Farmaci per il RGO

I sintomi del RGO, come bruciore al petto e rigurgiti acidi, possono essere alleviati dai medici con farmaci inibitori della pompa protonica (IPP), che bloccano la secrezione acida e permettono la cicatrizzazione delle lesioni esofagee. Nei casi più lievi, possono essere sufficienti antiacidi e alginati. È fondamentale anche adottare misure di igiene di vita, soprattutto alimentari, in aggiunta al trattamento farmacologico.

Consigli Alimentari per Prevenire il RGO

Evitare Pasti Troppo Ricchi e Grassi

I pasti iper-calorici e ricchi di grassi favoriscono il RGO rallentando la digestione e diminuendo l’efficacia della barriera anti-reflusso. I grassi contenuti in formaggi, burro e salumi aumentano la percezione del reflusso attraverso la liberazione di ormoni digestivi che agiscono sulle terminazioni nervose dell’esofago. Per questo motivo, è consigliabile evitare pasti eccessivamente ricchi di calorie e grassi.

Controllare il Peso

L’aumento di peso è un fattore principale per l’insorgenza del RGO, anche senza essere in sovrappeso. L’obesità addominale aumenta la pressione sulla barriera anti-reflusso, favorendo le risalite acide. Inoltre, l’obesità è un fattore di rischio per la ernia iatale, che può causare ulteriori episodi di reflusso.

Limitare i Zuccheri Rapidi

I carboidrati semplici come glucosio, fruttosio, lattosio e saccarosio sono rapidamente assimilati dall’organismo. Recenti studi hanno dimostrato che una dieta ricca di zuccheri rapidi può aumentare i sintomi del RGO. Pertanto, è consigliabile ridurre il consumo di zuccheri semplici, come quelli contenuti nelle bevande zuccherate.

Facilitare la Digestione

  • Lasciare trascorrere almeno due ore tra la cena e il momento di andare a letto.
  • Sollevare la testa del letto di 45 gradi utilizzando cunei sotto i piedi del letto.
  • Smettere di fumare per ridurre i sintomi del RGO.
  • Masticare chewing-gum per aumentare la produzione di saliva protettiva.
  • Praticare attività fisica regolare per prevenire l’aumento di peso e promuovere abitudini alimentari sane.

Identificare e Evitare gli Alimenti Scatenanti

Circa l’85% dei pazienti con RGO identifica almeno un alimento che provoca i loro sintomi. Ridurre il consumo di questi alimenti può aiutare a minimizzare i sintomi. Tra gli alimenti più comuni ci sono quelli piccanti, il cioccolato, la pizza, il pomodoro e i cibi fritti. Tuttavia, la reazione a questi alimenti può variare da persona a persona.

Reflusso Laringo-Faringeo: Una Condizione Differente

Il reflusso laringo-faringeo è raro e implica una micro-infiltrazione di contenuto gastrico nella gola, causando sintomi come raucedine e sensazione di corpo estraneo. Prima di iniziare qualsiasi trattamento, è necessario effettuare esami specifici come l’endoscopia e la pH-metria.

Miti Alimentari da Sfatare

Molte credenze popolari attribuiscono il RGO a cibi come agrumi, aceto, cioccolato e caffè. Tuttavia, non esistono prove definitive che questi alimenti causino RGO a livello di popolazione. Allo stesso modo, non è stato stabilito un legame certo con il consumo di alcol. Se questi alimenti aggravano i sintomi, è consigliabile limitarne l’assunzione.

Foto da DepositPhotos.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Gli shirataki sono un tipo di noodle tradizionale giapponese che sta guadagnando popolarità in tutto il mondo per le sue proprietà uniche e i suoi benefici per la salute. Questi noodles sono realizzati dalla radice di konjac, una pianta che cresce in alcune parti dell’Asia. Il nome “shirataki” significa “cascata bianca”, un riferimento all’aspetto traslucido […]

Perdere peso sì ma a quale prezzo? Un team di ricerca statunitense ha scoperto un’inquietante associazione tra l’uso della semaglutide, un noto farmaco per perdere peso, e un rischio superiore di neuropatia ottica ischemica anteriore non arteritica (NAION), una grave malattia oculare che può sfociare nella cecità improvvisa. Anche se i risultati devono ancora essere […]

Il Ministero della Salute ha recentemente pubblicato un bollettino che segnala un lieve aumento dei contagi da Covid-19. Questo incremento sembra essere correlato alla sottovariante KP.3, che deriva dalla mutazione “madre” JN.1, attualmente predominante. Nonostante la dichiarazione rilasciata dall’OMS a maggio 2023 che ha segnato la fine della fase emergenziale della pandemia, il virus non […]