Nessun caso di cancro della cervice nelle donne vaccinate contro l’HPV: lo studio da conoscere

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Un nuovo studio ha scoperto che non sono stati rilevati casi di cancro cervicale uterina nelle giovani donne che sono state completamente vaccinate come parte del programma di immunizzazione contro l’HPV.

La ricerca della Public Health Scotland (PHS) ha rivelato che il vaccino contro l’HPV (virus del papilloma umano) è “altamente efficace” nella prevenzione dello sviluppo del cancro.

L’HPV, lo ricordiao, è un’infezione sessualmente trasmissibile ed è responsabile di quasi tutti i casi di cancro cervicale, la quarta causa più comune di cancro nelle donne in tutto il mondo.

Il programma di vaccinazione è iniziato nel 2008 con le ragazze che hanno ricevuto il vaccino nel loro primo anno di scuola secondaria, all’età di 12 o 13 anni.

Il vaccino, che ora è somministrato anche ai ragazzi, aiuta pure a proteggerli da altri tipi di cancro correlati all’HPV in età adulta, come i tumori alla testa, al collo e anogenitali e le verruche genitali.

Il cancro cervicale in Scozia

Il cancro al collo dell’utero è il cancro più comune nelle donne di età compresa tra i 25 e i 35 anni in Scozia.

In totale, circa 300 donne in Scozia vengono diagnosticate con questo tipo di cancro ogni anno.

Lo screening è offerto a tutte le donne di età compresa tra i 25 e i 64 anni.

La Public Health Scotland ha collaborato con le Università di Strathclyde ed Edimburgo nella sua ricerca e ha incluso tutte le donne in Scozia idonee al programma di screening per il cancro della cervice nelle cifre.

Lo studio è stato pubblicato nel Journal of the National Cancer Institute.

La dott.ssa Kirsty Roy, consulente in protezione della salute presso la PHS, ha dichiarato: “Questa ricerca dimostra quanto sia efficace il vaccino contro l’HPV, poiché non sono stati riscontrati casi di cancro alla cervice fino a oggi nelle donne completamente vaccinate che hanno ricevuto la loro prima dose all’età di 12-13 anni”.

“La vaccinazione contro l’HPV è dimostrata essere efficace nella prevenzione del cancro al collo dell’utero e, insieme al regolare screening per la diagnosi precoce e al trattamento, è possibile rendere questo cancro una malattia rara”.

Il programma di vaccinazione contro l’HPV di quest’anno è già in corso nelle scuole scozzesi.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Il problema dello smog sta diventando sempre più drammatico con sforamenti continui dei livelli consentiti di Pm10 e Pm2,5 nelle principali città italiane. A rischio non c’è solo l’ambiente, ma anche la nostra stessa salute. Ecco perché è importante seguire una serie di buone pratiche che possono aiutare a tutelarsi e ridurre l’esposizione al pericoloso […]

Qualsiasi prestazione sportiva deve essere accompagnata non solo da un’adeguata preparazione atletica, ma anche da un attento lavoro di psicologia, capace di potenziare la concentrazione sotto stress e la costanza durante l’allenamento. Esistono tante tecniche che i professionisti dello sport utilizzano e che possono tornare utili nella vita di tutti i giorni. Scopriamo sette strategie […]

Oggi c’è una nuova speranza per i giovani affetti dalla malattia di Crohn. Una dieta mirata potrebbe, infatti, portare alla remissione della patologia infiammatoria dell’intestino tenue e del colon, anche nei casi più gravi. La sperimentazione, condotta dal reparto di gastroenterologia pediatrica dell’Azienda ospedaliero universitaria Meyer Irccs di Firenze ha ottenuto risultati sorprendenti, aprendo la […]

A Firenze si sono registrati 11 casi di persone risultate positive al vaiolo delle scimmie, dopo una serata trascorsa in discoteca. Secondo le dichiarazioni di Renzo Berti, direttore del dipartimento di prevenzione dell‘Asl Toscana centro, riportate dall’ANSA, si tratta di uomini giovani, eccezion fatta per una persona di mezza età. L’infezione sarebbe stata causata con […]

La recente lettera della Società psicoanalitica italiana inviata al Ministro della Salute Orazio Schillaci, in cui si esprimeva una certa preoccupazione riguardo all’uso di farmaci per la disforia di genere in adolescenza, ha scatenato un acceso dibattito sui giornali. L’argomento in realtà non è nuovo, già nel 2018 se ne era parlato con riferimento al […]