Frutta: i falsi miti più comuni da sfatare

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

La frutta è un alimento essenziale nella nostra dieta quotidiana, ma attorno ad essa gravitano numerosi miti che spesso causano confusione. Ecco alcuni dei miti più comuni.

La frutta dopo i pasti fa male?

Una delle credenze più diffuse è che mangiare frutta dopo i pasti provochi gonfiore addominale a causa della fermentazione degli zuccheri.

In realtà, la frutta consumata dopo i pasti aiuta a ripulire le mucose e a migliorare l’assimilazione di micronutrienti come il ferro.

Tuttavia, in presenza di problematiche intestinali o difficoltà digestive, potrebbe essere consigliabile mangiare frutta lontano dai pasti, ma sempre sotto supervisione di uno specialista.

La frutta come sostituto del pasto: un’idea sbagliata

Molti pensano che la frutta possa sostituire un pasto, ma ciò può portare a uno squilibrio nutrizionale.

Consumare solo frutta rischia di non fornire al corpo i carboidrati, grassi e proteine necessari, oltre a farci sentire nuovamente affamati in breve tempo. La dose giornaliera consigliata di frutta è di 2-3 porzioni da circa 150 grammi ciascuna.

I picchi glicemici: la frutta è sicura?

Contrariamente a quanto si crede, la frutta non causa picchi glicemici grazie alla presenza di fibre che modulano l’assorbimento degli zuccheri. Ferrari chiarisce che solo i diabetici devono prestare particolare attenzione, preferendo consumare frutta alla fine dei pasti e non come spuntino isolato.

Anguria: tutta acqua o anche zuccheri?

L’anguria è famosa per il suo alto contenuto di acqua, ma non è priva di zuccheri. Consumarla senza limiti può portare a un eccesso di zuccheri nella dieta. Anche il melone, spesso consumato con il prosciutto crudo, dovrebbe essere considerato parte della quota giornaliera di frutta per evitare eccessi.

Le banane e l’aumento di peso

Le banane sono spesso evitate nelle diete ipocaloriche per il timore che facciano ingrassare. In realtà, se consumate nelle giuste dosi giornaliere, anche le banane possono essere parte di una dieta equilibrata senza rischio di eccesso calorico.

L’ananas brucia i grassi?

Un altro mito diffuso è che l’ananas bruci i grassi grazie alla bromelina, una sostanza che facilita la digestione delle proteine ma non ha effetti sui grassi. L’ananas può essere un buon drenante e supportare la digestione, ma la perdita di grasso si ottiene solo con una dieta equilibrata e una regolare attività fisica.

Acqua e limone per detossificare

Molti credono che bere acqua e limone aiuti a detossificare il corpo e favorire il dimagrimento. Tuttavia, Ferrari chiarisce che la detossificazione è compito del fegato e dei reni, e che non esistono alimenti o bevande miracolose.

Acqua e limone possono essere utili per idratarsi, ma senza esagerare per non danneggiare lo smalto dei denti o aggravare problemi di acidità gastrica.

Fragole e allergie nei bambini

Le fragole sono spesso evitate nei primi anni di vita per il timore di allergie. Tuttavia l’introduzione precoce degli alimenti potenzialmente allergici può aiutare il sistema immunitario a tollerarli meglio.

Quindi, non c’è bisogno di aspettare i 12 mesi per introdurre le fragole nella dieta dei bambini.

Arance e prevenzione del raffreddore

È comune pensare che le arance possano prevenire il raffreddore grazie alla vitamina C. Tuttavia, le evidenze scientifiche indicano che la vitamina C non previene né cura il raffreddore, anche se può ridurre la durata dell’influenza e supportare il sistema immunitario.

Cianuro nei noccioli delle ciliegie

Un altro mito riguarda la presenza di cianuro nei noccioli delle ciliegie, delle pesche, delle albicocche e nei semi delle mele. Ferrari conferma che, sebbene contengano amigdalina, una molecola a base di cianuro, i noccioli non sono pericolosi a meno che non vengano masticati o ingeriti rotti.

Spremute e centrifugati: non sostituiscono la frutta

Le spremute, i centrifugati e i succhi 100% frutta non possono sostituire la frutta intera a causa della riduzione delle fibre. Inoltre, è facile eccedere con la quantità di frutta giornaliera. Questi preparati possono essere consumati, ma con moderazione e come parte di una dieta bilanciata.

Foto da Depositphotos.com

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

La portulaca, conosciuta anche come Portulaca oleracea, è una pianta che molti considerano un’erbaccia comune, ma che in realtà nasconde straordinarie proprietà nutritive. Diffusa in tutto il mondo, questa pianta cresce spontaneamente nei giardini, nei campi e perfino nei marciapiedi delle città. Nonostante il suo aspetto modesto, la portulaca è un vero e proprio tesoro […]

Il tahini, una pasta di semi di sesamo, ha radici profonde nella cucina mediterranea e mediorientale, con una presenza significativa nella dieta greca. Questo alimento ricco di nutrienti non è solo un ingrediente essenziale in molte ricette tradizionali, ma è anche apprezzato per le sue proprietà benefiche per la salute. La sua produzione è relativamente […]

La graviola, conosciuta anche come annona muricata o guanabana, è un frutto esotico originario delle regioni tropicali dell’America centrale e meridionale. Appartenente alla famiglia delle Annonaceae, questo frutto verde e spinoso ha guadagnato crescente attenzione negli ultimi anni grazie alle sue presunte proprietà antitumorali. La graviola cresce principalmente in climi caldi e umidi, come Brasile, […]

La pitaya, comunemente nota come “frutto del drago“, è un frutto esotico che sta guadagnando sempre più popolarità grazie ai suoi benefici per la salute e il suo aspetto unico e inconfondibile. Originaria delle regioni tropicali delle Americhe, la pitaya appartiene alla famiglia dei cactus e si distingue per la sua buccia colorata e le […]

L’acerola, conosciuta anche come ciliegia delle Barbados o ciliegia delle Indie Occidentali, è un frutto tropicale che ha attirato sempre più attenzione negli ultimi anni grazie alle sue straordinarie proprietà nutrizionali. Originaria delle regioni tropicali dell’America centrale e del Sud America, l’acerola è apprezzata non solo per il suo gusto piacevolmente acidulo, ma soprattutto per […]