Curcuma: quali benefici dà? Chi non deve usarla?

di Alice Marchese


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

La curcuma è una spezia molto importante che conserva tantissime proprietà. Perfetta per qualsiasi piatto, la si può abbinare a diverse pietanze. Carne, pollo, verdure, cous cous, tisane poco importa: la curcuma è sempre la scelta giusta.

Tutte le proprietà della curcuma

Questa spezia racchiude per noi tantissimi benefici. Ecco tutti le proprietà:

  1. Antiossidanti: protegge la pelle dai radicali liberi responsabili dell’invecchiamento;
  2. Antinfiammatorie e antidolorifiche: la spezia ha un effetto antiflogistico su tessuti e cartilagini affetti da dolori muscolo-scheletrici e aiuta contro patologie infiammatorie croniche come l’artrite reumatoide;
  3. Immunologiche: aumenta il sistema di difesa e grazie alla sua attività immunostimolante aiuta a combattere infezioni virali e batteriche;
  4. Depurative: purifica l’organismo dalle tossine garantendo il buon funzionamento della cellula epatica e dell’intestino;
  5. Antitumorali: la curcuma ha un effetto benefico non indifferente e cioè si sostiene che prevenga i tumori
  6. Digestive: aiuta contro difficoltà digestive e nel complesso riequilibra l’apparato digerente da disturbi gastrici e intestinali proteggendo le pareti dello stomaco.

Leggi anche: Tisana curcuma e al finocchio: tutte le proprietà che non ti aspettavi

Curcuma: benefici ed effetti

Nonostante la difficoltà per il nostro organismo di assorbire la curcuma, assumerne ogni giorno dai 3 ai 5 grammi (circa un cucchiaio o poco meno in polvere) ha numerosi effetti benefici. È importante però consultare un medico per vedere se effettivamente giova al nostro organismo.

Protegge il cuore dal momento che un’assunzione costante favorisce la fluidificazione del sangue e la circolazione, rafforzando il rivestimento dei vasi sanguigni. Inoltre, aiuta a prevenire patologie cardiocircolatorie come l’ipertrofia e la necrosi del miocardio e protegge dagli infarti. Sembrerebbe ridurre anche il colesterolo.

Benefici

  1. Stimola il metabolismo e aiuta la perdita di peso perché oltre a coadiuvare la digestione controlla anche la glicemia e migliora il metabolismo lipidico;
    protegge il fegato dai danni dello stress ossidativo;
  2. Contrasta i bruciori di stomaco e le infiammazioni intestinali provocate da celiachia o morbo di Crohn;
  3. Previene il Diabete di tipo 2;
  4. Incrementa l’autoguarigione del cervello in caso di depressione e Morbo di Alzheimer;
  5. Favorisce la cicatrizzazione di piccole ferite, escoriazioni e punture di insetti.

Chi non può assumere la curcuma?

È opportuno però consultare qualcuno per assumere la curcuma. Le dosi devono essere gestite da un medico perché l’eccesso può create problemi non di poco conto. Ad esempio potrebbe causare problemi gastrointestinali come nausea e diarrea.

Non è consigliata per chi soffre con calcoli alla colecisti e problematiche alle vie biliari, visto che potrebbe sovraccaricare i reni, ma anche in presenza di problemi di coagulazione del sangue.

Leggi anche: Borlotti al curry e zenzero: un pieno di salute

Dalla stessa categoria

Lascia un commento

Correlati Categoria

L’Australia è stata di recente colpita dall’influenza aviaria H5N1. Ad essere contagiata è stata una bambina di 2 anni e mezzo, risultata positiva e curata in terapia intensiva in un ospedale australiano dopo un viaggio in India. A dare l’annuncio è stata l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), che ha così dichiarato: “Si tratta della prima […]

Il glifosato, un erbicida ad ampio spettro, è diventato uno degli strumenti più utilizzati nell’agricoltura moderna. Sin dalla sua introduzione sul mercato negli anni ’70 dalla Monsanto, sotto il nome commerciale di Roundup, il glifosato è stato adottato in tutto il mondo per il controllo delle erbacce. Tuttavia, il suo uso diffuso ha sollevato preoccupazioni […]

Una recente ricerca condotta dalla Cleveland Clinic e pubblicata sull’European Heart Journal ha suscitato preoccupazioni riguardo al consumo elevato di xilitolo, un noto dolcificante utilizzato in vari prodotti alimentari a basso contenuto calorico. Secondo lo studio, un’assunzione eccessiva di xilitolo potrebbe aumentare il rischio di ictus e infarti a causa della potenziale coagulazione del sangue. […]