Crisi di rabbia nei bambini: cosa fare e come prevenirle

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Le crisi di rabbia in alcuni bambini sono molto frequenti e, talvolta, sembrano davvero interminabili. Quali sono le motivazioni? È possibile prevenire le esplosioni d’ira dei piùpiccoli? Come intervenire e calmare il bambino?

Ecco alcuni consigli utili da tenere a mente

Crisi di rabbia, perché molti bambini tendono ad averle?

I bambini hanno spesso crisi di rabbia perché vogliono affermare i propri desideri e faticano a fare una distinzione tra i desideri e la realizzazione degli stessi. Tutta l’educazione che si dà ai piccoli è una limitazione di questi desideri. I bambini si sentono dunque e una possibilità per loro di sentirsi contenuti. Ed è proprio questo contenimento saldo e sicuro che permette loro pian piano di rinunciare alla realizzazione immediata dei desideri e di differirli nel tempo.

I genitori non devono temere il fatto che il bambino non sia contento o compiacente. Il segreto di una corretta educazione sta nel fatto che il genitore non deve avere paura di non accontentare il figlio.

Capita spesso che i genitori di oggi abbiano paura di rendere i loro figli e dicono “no” poco convinti e insicuri e vedere piangere il proprio bambino provoca in loro un senso di frustrazione e inadeguatezza.

Meccanismi psicologici che scatenano le crisi

I bambini spesso si trovano a vivere crisi di rabbia perché non riescono a contenere i loro desideri, e ciò avviene poiché in passato i loro genitori si sono spaventati nel vederli soffrire quando dovevano rinunciare a qualcosa.

Alcuni non si sentono al sicuro e urlano sperando che i genitori possano accorrere a rassicurarli. Del resto, la rassicurazione sta alla base della fiducia dei piccoli. Se i bambini hanno fiducia in mamma e papà allora ascolteranno e obbedirano per amore, perché saranno contenti di sentirsi gratificati.

Molti genitori accontentano i figli per evitargli la sofferenza e quando perdono la pazienza assumono un atteggiamento rabbioso e punitivo e fanno sentire il bambino ancora più insicuro. Il piccolo sarà così indotto ad alzare il tiro e ad urlare e piangere.

Molto dipende anche dal carattere ci sono bambini più pacifici e altri che manifestano una maggiore opposizione ed esuberanza. Sono proprio questi ad avere bisogno di una maggiore vicinanza fisica.

Nel momento della crisi allora sarà necessario andare loro vicino e stringerli forte. Bisogna dunque dire di “no” prima di arrabbiarsi, in modo severo, ma giusto.

Quale atteggiamento devono assumere i genitori?

I bambini devono poter comprendere che alla rabbia non si reagisce con altra rabbia, ma cercando di tranquillizzare la propria ansia. Se si è genitori nervosi e agitati e ci si aspetta che i bambini facciano quello che si dice, i figli non potranno mai essere tranquilli

Se il bimbo vive spesso grandi crisi di rabbia, la prima domanda da porsi è qual è il clima familiare in cui vive

Se non si vuole un figlio urlatore i genitori devono imparare essi stessi a non urlare, perché il bambino sarà indotto ad assorbire questo tipo di atteggiamento e urlerà per ottenere ciò che desidera.

Sarà molto meglio mantenere un atteggiamento deciso e sicuro, piuttosto che alzare la voce.

Strategie per prevenire o contrastare le crisi di rabbia

Per prevenire le crisi di rabbia è indispensabile instaurare un dialogo con il bambino, attuando il contenimento con calma e decisione, in modo che il piccolo non andrà in confusione e capirà che la decisione è netta e irrevocabile.

Le punizioni severe non sono utili. L’aspetto più importante sta nel comprendere il limite, il confine stabilito dai genitori. Se il bambino si comporta male è più efficace una frase di questo tipo: “Adesso sono dispiaciuto perché ti sei comportato così, per un po’ non ti parlo, non ti ascolto e non gioco”.

Per porre fine alle crisi di rabbia si possono però adottare alcune semplici strategie. Quando i bimbi hanno le crisi di rabbia bisogna prenderli in braccio, mettendo in atto il contenimento. È importante comprendere il dolore, ma non accontentare il bambino su ogni cosa. Un’altra strategia utile consiste nel distrarlo, cambiando scenario, dedicandosi a lui.

Non bisogna, infine, avere paura. È necessario piuttosto pensare che ha bisogno di sentire che noi ci siamo, siamo sicuri e coerenti.

Foto da Depositphotos.com

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Gli shirataki sono un tipo di noodle tradizionale giapponese che sta guadagnando popolarità in tutto il mondo per le sue proprietà uniche e i suoi benefici per la salute. Questi noodles sono realizzati dalla radice di konjac, una pianta che cresce in alcune parti dell’Asia. Il nome “shirataki” significa “cascata bianca”, un riferimento all’aspetto traslucido […]

Perdere peso sì ma a quale prezzo? Un team di ricerca statunitense ha scoperto un’inquietante associazione tra l’uso della semaglutide, un noto farmaco per perdere peso, e un rischio superiore di neuropatia ottica ischemica anteriore non arteritica (NAION), una grave malattia oculare che può sfociare nella cecità improvvisa. Anche se i risultati devono ancora essere […]

Il Ministero della Salute ha recentemente pubblicato un bollettino che segnala un lieve aumento dei contagi da Covid-19. Questo incremento sembra essere correlato alla sottovariante KP.3, che deriva dalla mutazione “madre” JN.1, attualmente predominante. Nonostante la dichiarazione rilasciata dall’OMS a maggio 2023 che ha segnato la fine della fase emergenziale della pandemia, il virus non […]