Attenzione a cenare tardi: secondo gli esperti aumenta il rischio di mortalità

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Gustare un pasto in tarda serata, più o meno intorno alle 23 o addirittura in ore più avanzate della notte, accresce il rischio di mortalità per varie ragioni. È quanto emerge da un’indagine, riportata sulle pagine de “Il Giornale” e svelata nel corso della Giornata Mondiale del Sonno, che si celebra ogni anno il 15 marzo

Per l’occasione la Società Italiana di Diabetologia ha sottolineato l’importanza della relazione tra un sonno di giusta durata e qualità e il rischio di sviluppare diabete di tipo2.

Lo studio

In particolare, è stato preso in esame un recente studio pubblicato su “Nutrition & Diabetes” condotto da studiosi cinesi dal titolo “Mangiare notturno in termini di tempi, frequenza e qualità del cibo e rischi di mortalità per tutte le cause, cancro e diabete: risultati di un sondaggio nazionale sugli esami sanitari e nutrizionali”, il cui scopo era quello di indagare sui fattori associati ai tempi, alla frequenza e alla qualità del cibo consumato durante i pasti notturni e il conseguente rischio di mortalità, specialmente legato a malattie come il cancro e il diabete.

La ricerca ha coinvolto in totale 41.744 partecipanti del National Health and Nutrition Examination Survey (studio NHANES) americano, in un arco di tempo compreso tra il 2002 e il 2018.

Le informazioni sull’alimentazione notturna sono state acquisite tramite registrazioni dietetiche di 24 ore focalizzate sui parametri precedentemente menzionati (tempi, frequenza e qualità del cibo). Lo studio ha rivelato che il rischio di mortalità nei soggetti affetti da diabete aumentava più del doppio per coloro che consumavano la cena tra le 23:00 e mezzanotte. Nel gruppo che consumava pasti considerati ad “alta densità energetica”, cioè abbondanti, si è riscontrato un aumento del 21% del rischio di mortalità per tutte le cause.

Si è dunque scoperto che il consumo notturno era associato a un aumento del rischio di mortalità per tutte le cause solo per i pasti tra le 23:00 e le 1:00, alla mortalità per cancro solo per i pasti tra le 1:00 e le 2:00 e alla mortalità per diabete mangiare tra le 22:00 e la mezzanotte.

Se durante le fasce orarie sopra descritte è stata riscontrata un’associazione con un certo tipo di rischio di mortalità, i ricercatori hanno messo in evidenza che mangiare tra le 9:00 e le 22:00 “non è risultato significativamente associato con il rischio di mortalità”.

Quindi, consumare un pasto tardivo può destabilizzare il corpo, soprattutto se diventa una consuetudine notturna, ma non rappresenta un problema se avviene solo occasionalmente o raramente.

Di conseguenza, gli studiosi hanno concluso che il consumo di cibo durante la notte, nel gruppo esaminato è stato correlato a un aumento del rischio di mortalità per tutte le cause, il cancro e il diabete, con variazioni nei tempi, nella frequenza e nella qualità del cibo.

Al contrario, mangiare prima delle 23:00 o consumare cibi a bassa densità energetica “potrebbe essere consigliato per ridurre il rischio di eccessiva mortalità durante i pasti notturni”.

Cosa dice l’esperto

Come ha sottolineato il Professor Angelo Avogaro, Presidente della Società Italiana di Diabetologia il momento in cui vengono consumati i pasti è molto importante, con rischi maggiori per chi decide di consumare pasti notturni, cosa che può capitare ai lavoratori notturni o ai turnisti.

“Il lavoro notturno determina una alterazione di numerosi profili metabolici con aumento dei trigliceridi, diminuzione del colesterolo ‘buono’, iperglicemia e aumento dell’emoglobina glicata – ha evidenziato Avogaro – Valori che tornano alla normalità quando si sospende la turnazione giorno/notte. In alcuni studi si è visto come i lavoratori notturni, a parità di calorie totali, tendano ad assumere cibi meno salutari e ultra-processati, come junk food che aumentano il rischio di obesità e diabete”.

Foto da Depositphotos.com

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

La capsaicina è il composto chimico che dona il sapore piccante ai peperoncini. Anche se molti la conoscono per il suo effetto infuocato, pochi sanno che questa sostanza ha diversi benefici per la salute. Scopriamo insieme quattro vantaggi che la capsaicina può offrire, andando oltre il semplice pizzicore sulla lingua. Un aiuto per la perdita […]

Dalla metà degli anni ’90 alcuni ricercatori hanno indagato il rapporto tra consumo di alimenti industriali, obesità e varie patologie. In particolare, Carlos Monteiro, un noto epidemiologo e nutrizionista brasiliano, visto l’alto tasso di obesità tra i bambini del Paese, insieme a un team di professori dell’Università di San Paolo, ha realizzato una ricerca che […]

La felicità è da sempre una delle mete più ambite dall’uomo. I greci chiamavano felicità l’eudaimonía, il ‘buon demone’, e –meglio ancora- eutychía, ‘la buona sorte, per Epicuro la felicità era l’assenza di turbamenti, mentre per Socrate la felicità dipende solo da noi stessi e per raggiungerla è necessario adottare una condotta virtuosa e moralmente […]

Il Giappone è un paese rinomato per la sua cultura ricca di tradizione e innovazione, che abbraccia vari campi, dalla cucina alla medicina tradizionale. Tra i tanti tesori che la natura giapponese offre, uno dei più apprezzati è lo yuzu, un agrume unico che non solo arricchisce i piatti con il suo sapore inconfondibile, ma […]