Professoressa rimprovera alunna per lo smartphone in classe, i genitori l’aggrediscono

di Redazione


Sei su Telegram? Ti piacciono le nostre notizie? Segui il canale di DonnaClick! Iscriviti, cliccando qui!
UNISCITI

Durante l’anno scolastico appena concluso, in un Istituto comprensivo emiliano nella provincia di Piacenza, una giovane alunna è stata sgridata dalla professoressa per l’uso del cellulare in classe durante le lezioni. La studentessa ha riferito l’episodio ai genitori, che hanno reagito in modo estremo, come raccontato da Fanpage.

L’irruzione dei genitori in classe

Come risposta al richiamo della docente, i genitori della studentessa hanno fatto irruzione nella scuola durante l’orario di lezione. Si sono diretti verso la professoressa nel corridoio, aggredendola verbalmente e minacciandola. La Gilda degli Insegnanti ha fornito dettagli sullo sconcertante comportamento dei genitori, affermando che tutto è accaduto perché l’insegnante aveva osato redarguire la figlia per l’uso del cellulare.

La denuncia e le conseguenze

La professoressa è stata profondamente turbata dall’episodio e ha temuto per la sua incolumità nei giorni successivi. Con il supporto della Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza, ha sporto regolare denuncia alle autorità giudiziarie. Inoltre, ha richiesto l’azione difensiva dell’Avvocatura dello Stato alle competenti autorità scolastiche.

La tutela del corpo docente

La Gilda degli Insegnanti è impegnata nella tutela del corpo docente e sta monitorando attentamente le situazioni scolastiche nel territorio. L’obiettivo è contrastare fenomeni di delegittimazione e vilipendio dell’autorità degli insegnanti. Si sottolinea l’importanza di considerare i docenti come pubblici ufficiali con poteri autoritativi. Inoltre, si mette in guardia contro l’aziendalismo che considera gli studenti e i genitori come clienti, e contro un permissivismo eccessivo che mina il rispetto reciproco.

Dalla stessa categoria

Correlati Categoria

Negli ultimi giorni, l’Italia ha registrato un aumento significativo dei casi di Covid-19, sorprendentemente collegato ai concerti di Taylor Swift tenutisi il 13 e 14 luglio 2024 allo Stadio San Siro di Milano. L’evento ha attirato oltre 130.000 fan da tutta Europa, creando una situazione che molti esperti di salute pubblica avevano previsto potesse comportare […]